Il Ceo di Ubuntu: "Non lo facciamo per soldi"

Canonical continua a registrare perdite, ma per Shuttleworth i soldi si fanno vendendo servizi, non licenze. Microsoft stia attenta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2008]

Mark Shuttleworth Ubuntu 8.10 Canonical perdite

Mentre la data di rilascio di Ubuntu 8.10 si avvicina, il Ceo di Canonical, Mark Shuttleworth, spiega al mondo perché mai continui a finanziare personalmente una società che finora non ha prodotto un solo centesimo di utili.

L'azienda dietro alla "distribuzione per esseri umani", infatti, è costantemente in perdita, ma a Shuttleworth va bene così: "lo considero un buon investimento". Secondo il suo fondatore, Ubuntu dovrebbe iniziare a generare utili entro un paio d'anni, ma potrebbe anche metterci di più.

Se anche gli anni diventassero tre, o cinque, non ci sarebbe alcun problema: Shuttleworth non ha alcuna intenzione di chiudere i rubinetti almeno finché Ubuntu non sarà in grado di camminare sulle proprie gambe.

In realtà non è che proprio non ci siano entrate: solo, le spese e gli investimenti sono maggiori. E questo è voluto: il progetto non vuole lucrare sulle distribuzioni desktop, ma conta di guadagnare dalla fornitura di servizi e dal supporto.

Già ora questa attività permette di incamerare "diversi milioni di dollari" ogni anno. Ancora insufficienti, certo, ma a quanto pare destinati a crescere.

Canonical non ha poi idea di quante siano le installazioni di Ubuntu esistenti, perché nel rispetto della privacy degli utenti ha preferito non installare alcun tool che misuri questo dato.

Né ciò è importante: Shuttleworth è convinto che in realtà nessuno possa seriamente pensare di guadagnare dei soldi vendendo versioni desktop di Linux; l'unica possibilità è nella fornitura di servizi.

"È il cuore della nostra filosofia non fare soldi sui desktop" ha concluso l'amministratore delegato di Canonical, il quale è convinto che tutti, compresa Microsoft, dovranno presto o tardi abbandonare il modello attuale, basato sulla vendita di licenze, per passare alla vendita dei servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

secondo me il giusto sta sempre in mezzo. come non si può vivere solo di licensing, credo non si possa neanche vivere di open source puro, se vogliamo dirla tutta. parliamoci chiaro: è normale che un'azienda abbia remore ad utilizzare un ERP aperto e manipolabile da chiunque piuttosto che affidarsi al software proprietario di qualcuno... Leggi tutto
25-11-2008 13:40

Fallimento del free software? :shock: Non c'è nulla in tutto il discorso di Mark Shuttleworth che faccia presumere una cosa simile. In ogni caso, nella più catastrofica delle previsioni, potrebbe fallire la Canonical... potrebbe non esserci una ulteriore distribuzione di Ubuntu, ma Ubuntu è solo una delle innumerevoli distribuzioni... Leggi tutto
31-10-2008 21:43

Io sono FERMAMENTE convinto che si possa campare con la sola assistenza.
31-10-2008 18:29

Red Hat e Suse campano da anni però, e visto che esistono versioni gratuite dei loro SO, cioè Fedora e openSuse, il loro guadagno deriva dai servizi che danno. Leggi tutto
29-10-2008 10:19

:lol: Leggi tutto
29-10-2008 10:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1252 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics