Il Ceo di Ubuntu: "Non lo facciamo per soldi"

Canonical continua a registrare perdite, ma per Shuttleworth i soldi si fanno vendendo servizi, non licenze. Microsoft stia attenta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2008]

Mark Shuttleworth Ubuntu 8.10 Canonical perdite

Mentre la data di rilascio di Ubuntu 8.10 si avvicina, il Ceo di Canonical, Mark Shuttleworth, spiega al mondo perché mai continui a finanziare personalmente una società che finora non ha prodotto un solo centesimo di utili.

L'azienda dietro alla "distribuzione per esseri umani", infatti, è costantemente in perdita, ma a Shuttleworth va bene così: "lo considero un buon investimento". Secondo il suo fondatore, Ubuntu dovrebbe iniziare a generare utili entro un paio d'anni, ma potrebbe anche metterci di più.

Se anche gli anni diventassero tre, o cinque, non ci sarebbe alcun problema: Shuttleworth non ha alcuna intenzione di chiudere i rubinetti almeno finché Ubuntu non sarà in grado di camminare sulle proprie gambe.

In realtà non è che proprio non ci siano entrate: solo, le spese e gli investimenti sono maggiori. E questo è voluto: il progetto non vuole lucrare sulle distribuzioni desktop, ma conta di guadagnare dalla fornitura di servizi e dal supporto.

Già ora questa attività permette di incamerare "diversi milioni di dollari" ogni anno. Ancora insufficienti, certo, ma a quanto pare destinati a crescere.

Canonical non ha poi idea di quante siano le installazioni di Ubuntu esistenti, perché nel rispetto della privacy degli utenti ha preferito non installare alcun tool che misuri questo dato.

Né ciò è importante: Shuttleworth è convinto che in realtà nessuno possa seriamente pensare di guadagnare dei soldi vendendo versioni desktop di Linux; l'unica possibilità è nella fornitura di servizi.

"È il cuore della nostra filosofia non fare soldi sui desktop" ha concluso l'amministratore delegato di Canonical, il quale è convinto che tutti, compresa Microsoft, dovranno presto o tardi abbandonare il modello attuale, basato sulla vendita di licenze, per passare alla vendita dei servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

secondo me il giusto sta sempre in mezzo. come non si può vivere solo di licensing, credo non si possa neanche vivere di open source puro, se vogliamo dirla tutta. parliamoci chiaro: è normale che un'azienda abbia remore ad utilizzare un ERP aperto e manipolabile da chiunque piuttosto che affidarsi al software proprietario di qualcuno... Leggi tutto
25-11-2008 13:40

Fallimento del free software? :shock: Non c'è nulla in tutto il discorso di Mark Shuttleworth che faccia presumere una cosa simile. In ogni caso, nella più catastrofica delle previsioni, potrebbe fallire la Canonical... potrebbe non esserci una ulteriore distribuzione di Ubuntu, ma Ubuntu è solo una delle innumerevoli distribuzioni... Leggi tutto
31-10-2008 21:43

Io sono FERMAMENTE convinto che si possa campare con la sola assistenza.
31-10-2008 18:29

Red Hat e Suse campano da anni però, e visto che esistono versioni gratuite dei loro SO, cioè Fedora e openSuse, il loro guadagno deriva dai servizi che danno. Leggi tutto
29-10-2008 10:19

:lol: Leggi tutto
29-10-2008 10:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2512 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics