Microsoft Office si trasferisce sul web

Microsoft annuncia una versione online dell'applicativo che farà concorrenza a Google Documents.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2008]

Microsoft Office Online web-application Google App

La prossima versione di Office, la numero 14, avrà anche una sorella gemella accessibile dal Web: l'ha annunciato l'azienda di Redmond in occasione della Professional Developers Conference che si sta svolgendo in questi giorni a Los Angeles.

Microsoft non ha alcuna intenzione di abbandondare la tradizionale suite per l'ufficio da installare sui Pc, ma ha anche colto l'interesse crescente verso le soluzioni Web-based offerte da Google e Zoho.

Così, in una strategia che sicuramente ha qualcosa a che fare con l'annuncio di Windows Azure, ha rivelato la disponibilità della prossima versione di Office anche come applicazione online.

La facilità di condivisione e la possibilità di accedere ai propri documenti da dovunque ci sia un accesso a Internet è qualcosa cui gli utenti si stanno abituando e Microsoft non vuole essere tagliata fuori. D'altra parte, ci sono dei particolari che vanno sottolineati.

Word, Excel e compagnia, trasformati in Web-application, non disporranno di tutte le funzioni o della stessa identica interfaccia della controparte installabile: alcune caratteristiche, per la differenza del mezzo, andranno perse nel passaggio. Gli utenti avanzati di Office, quindi, potrebbero preferire la modalità tradizionale.

Microsoft ha poi notato che, anche per gli utenti che usano le applicazioni online, il passaggio non è definitivo: essi usano le versioni web per comporre certi tipi di documenti, e quelle installate per altri. Spesso, insomma, c'è bisogno di tutti e due.

Ecco perché una delle parti della presentazione si è concentrata sull'abolizione del confine tra offline e online: facendo lavorare due persone sullo stesso documento condiviso via Internet, una con la versione web di One Note e l'altra con la versione installabile dello stesso programma, Microsoft ha voluto dimostrare come alla fine gli utenti possano decidere di non considerare la piattaforma ma di concentrarsi sul documento.

La beta di Office Online è attesa già per l'anno prossimo. Ancora nulla si sa, invece, su quanto Microsoft abbia intenzione di far pagare per questo servizio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

L'ombra di Google Leggi tutto
30-10-2008 15:28

Beh è ovvio, se non facesse pagare il servizio ci perderebbe. Gli utenti non comprerebbero più il programma da installare sul computer, tanto ce l'avrebbero sul web gratis, invece facendo pagare magari non tanto, credo che microsoft vorrebbe anche dare un colpetto a openoffice. Leggi tutto
30-10-2008 12:34

Per un attimo m'ero convinto che fosse totalmente gratis...adesso qualche dubbio ce l'ho! :roll: Leggi tutto
29-10-2008 15:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5216 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics