Il G8 di Berlusconi detterà legge su Internet

Il premier italiano proporrà al G8, di cui sarà presidente, di regolamentare la Rete, ma senza spiegare né chi dovrà vigilare, né come, né perché.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2008]

Berlusconi vuole regolamentare Internet

Le dichiarazioni, ormai, le conoscono tutti. Parlando delle proprie intenzioni per il prossimo G8 allargato a 20 Paesi, di cui avrà la presidenza, il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha rivelato che intende proporre una regolamentazione della Rete: "Su Internet manca ancora una regolamentazione internazionale uniforme, credo che nel prossimo G8 si possa portare sul tavolo questa proposta".

Che cosa poi intenda con regolamentazione è tutto da vedere e lascia spazio alle ipotesi più disparate, anche se le previsioni sono piuttosto fosche (non è lo stesso personaggio che aveva formato un governo con Giuliano Urbani ai Beni Culturali?)

Né i partecipanti al G8 lasciano sperare in bene: come ha sottolineato Berlusconi, "sarà rappresentato l'80% dell'economia mondiale e il 72% della popolazione mondiale". Il problema, va da sé, non è la popolazione, ma l'economia: chi è pronto a scommettere - sicuro peraltro di vincere - che questi signori intenderanno "regolamentazione di Internet" come difesa del diritto d'autore e della proprietà intellettuale?

Senza contare il fatto che se Berlusconi cercasse un sostegno, lo potrebbe trovare facilmente nel "collega" Nicholas Sarkozy, la cui dottrina è stata sì bocciata dall'Europa, ma approvata con larghissima maggioranza dal Senato francese.

Ma c'è qualcosa di ancora più preoccupante. Se l'idea di imporre un regolamento a Internet fa rabbrividire chi ha sempre considerato la Rete un mezzo che garantisce la libertà d'espressione, fa ancora più paura vedere che chi vuole dettare le regole non sembra avere ben chiaro l'oggetto del proprio discorso.

Il nostro Presidente del Consiglio, infatti, ha spiegato che intende portare sul tavolo "una proposta internazionale, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo?". Un forum? Neanche in senso lato si può considerare Internet un forum: è una definizione troppo limitata. Non si può nemmeno dire che Internet equivalga al Web, figuriamoci a un forum.

Probabilmente Silvio Berlusconi non ha le idee chiare (d'altra parte lui stesso aveva candidamente ammesso, lo scorso marzo, di essere "troppo vecchio per Internet"): avrà solo notato un luogo dove chiunque può dire la propria e deciso di dare un giro di vite. Solo che per farlo gli serve l'aiuto dei capi delle altre nazioni, visto che Internet va per propria natura al di là dei confini degli Stati.

Non che la Rete non abbia i propri pericoli. Siamo tutti a conoscenza dei danni causati dallo spam, o dal malware, per non parlare della piaga della pedopornografia. Ma tutto ciò non è già oggetto di attenzione da parte della legge? Non converrebbe potenziare la caccia a chi si dedica a queste attività, fornendo soldi, uomini e mezzi?

C'è anche altro. Al di là dei contenuti di questo fantomatico regolamento, quale sarebbe l'organismo preposto a vigilare sul suo rispetto? Speriamo non le varie polizie postali, che hanno già abbastanza lavoro nel perseguire i criminali veri. Una Alta autorità, come l'Hadopi francese, magari? Magari alle dipendenze dirette delle major?

E poi quali sarebbero i mezzi? Intercettazioni, archiviazione di tutte le comunicazioni elettroniche in vista di una futura utilità come fanno in Irlanda? Una bella legge sull'editoria? O qualcosa di più drastico, come si usa in Cina?

Se i regolamenti vengono scritti insieme a soggetti così, non c'è da stare allegri. Perché in questo genere di cose, di solito, i veri protagonisti del settore non vengono mai invitati, chissà come mai.

Insomma, possiamo aspettarci di tutto. Tre parole ("regolamentazione di Internet") hanno scatenato un putiferio, soprattutto per quello che non dicono ma implicano. Chissà che cosa potrà fare una proposta concreta.

Se hai qualche idea in proposito o vuoi dire la tua, ti aspettiamo per parlarne nel forum. A questo punto sono gli utenti di Internet che devono muoversi, prima che sia troppo tardi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Diciamo che non è facile regolamentare una cosa che si avvicina all'infinito come nel caso di internet ma del resto tutte le cose, anche le più semplici sono difficili da gestire come si crede, dovremmo essere tutti coerenti ma in realta purtroppo non lo siamo. :wink:
26-12-2008 00:05

{lupopz}
avviso ai naviganti Leggi tutto
25-12-2008 16:49

Sta' tranquillo che lo facciamo anche qui! ;-) Scherzi a parte, abbiamo un forum apposito dove si puo' dibattere sulle scelte della redazione, sulla linea editoriale del sito, su come scriviamo gli articoli, su quanto siamo o non siamo schierati. Leggiamo tutto e per quanto ci e' possibile rispondiamo pubblicamente. Leggi tutto
5-12-2008 16:33

Guarda che la Dittatura non possiede un colore o un partito o una persona sola. :shock: E' un'azione ignobile e solo questo importa, dunque stai attento su chiunque la voglia usare, anche del tuo stesso partito. Ricordati che i Fan intellettuali (e anche non) del fascismo fecero tutti una brutta fine (malgrado che prima lo... Leggi tutto
5-12-2008 16:08

{giuseppe}
il cavaliere sa Leggi tutto
5-12-2008 15:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi fa la coda fuori dal negozio per acquistare il nuovo iPhone / iPad / iPod il primo giorno è...
Un vero appassionato
Un fanatico
Un iDiota

Mostra i risultati (11950 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics