Siti web a rischio, triplicati gli attacchi nel 2008

Perfino i siti legissimi e ben conosciuti possono nascondere pagine infette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-01-2009]

sophos sicurezza

Nel 2008 il crimine organizzato ha triplicato gli attacchi ai danni di siti web legittimi, depositandovi programmi dannosi allo scopo di infettare visitatori privati e aziendali. Nel 2008, inoltre, gli hacker hanno lanciato campagne concertate, spacciandosi per produttori di software antivirus e creando quotidianamente nuovi siti web e applicazioni dalle sembianze professionali, con l'intenzione di indurre gli utenti a credere che i propri computer fossero stati violati.

Emerge anche un allarmante aumento degli allegati infetti usati dagli hacker per violare i Pc degli utenti e rubarne l'identità, il denaro e i dati. Come più volte segnalato, è sempre più smodato l'interesse di spammer e autori di malware per i siti di social networking come Facebook. Questi siti vengono sfruttati per inviare spam e malware dopo essersi intrufolati nei profili di ignari utenti.

Persino un sito web legittimo potrebbe nascondere tra le sue pagine un pericoloso malware. La top ten dei Paesi che hanno ospitato il maggior numero di pagine web infette nel 2008 è la seguente vede gli Stati Uniti in testa, seguiti da Cina, Russia, Germania, Corea del Sud, Ucraina, Gran Bretagna, Turchia, Repubblica ceca e Tailandia. L'Italia occupa il 16esimo posto.

I 100 siti più visitati sono stati l'obiettivo preferito dai cyber criminali. Il 70% di questi siti ha ospitato contenuti maligni o re-indirizzato a siti infetti, con una crescita pari al 16%, a conferma del fatto che ormai il numero di siti compromessi ha superato di gran lunga quello di siti creati appositamente per scopi illeciti.

Lo scenario della criminalità informatica nel corso degli ultimi dodici mesi, insieme alle tendenze emergenti per il 2009, è ben rappresentato nel Rapporto sulla sicurezza 2009 di Sophos. Anche i Security Labs di Websense hanno pubblicato un rapporto analogo, il Rapporto Semestrale sullo Stato della Sicurezza Web che riassume i trend osservati durante la seconda metà del 2008 e fornisce le previsioni sulle principali minacce per il 2009 nel settore della sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2017 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics