La pillola intelligente

Proteus ha ideato una pillola dotata di sensori "digeribili" in grado di inviare dati dall'interno del corpo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2009]

Proteus pillola intelligente sensori digeribili

La californiana Proteus Biomedicals ha ideato una pillola "intelligente" in grado di inviare segnali dall'interno del corpo umano dopo che è stata inghiottita, per fornire informazioni ai medici grazie ai sensori di cui è dotata.

Il paziente non deve fare altro che ingerirla, proprio come una normale medicina. I suoi sensori interni, che hanno la caratteristica di essere digeribili e di venire attivati dai fluidi dello stomaco, inviano un segnale al ricevitore esterno (che può assumere l'aspetto di un cerotto) o impiantato sottopelle.

Le informazioni inviate possono comprendere la data, l'ora, il tipo di medicine assunte e il dosaggio, il battito cardiaco e l'attività respiratoria.

Il tutto è "estremamente economico da produrre", spiega Proteus: il costo sarà di pochi centesimi di dollaro per sensore, una volta che sarà iniziata la produzione su scala industriale.

Inoltre, grazie agli sforzi di Qualcomm, è allo studio l'invio dei dati tramite le reti cellulari di terza generazione: questa possibilità permetterebbe di far arrivare ai dottore in ospedale informazioni dai pazienti che restano tranquillamente a casa.

La pillola "intelligente" dovrebbe arrivare sul mercato nel 2011 o nel 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Un po' tardino. Niente effetti collaterali? Leggi tutto
3-2-2009 16:28

Cos non bisogna miniaturizzarsi come nel film e libro "Viaggio allucinante"
3-2-2009 10:40

Affascinante... Questa volta sembrerebbe che le case farmaceutiche siano pronte al lancio, staremo a vedere: sono curioso di vedere come risolveranno la questione privacy. :wink:
3-2-2009 09:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
S, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
S, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente attento: non c' motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. S, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2449 voti)
Marzo 2023
CorePC: una versione di Windows leggerissima, modulare e più sicura
iPhone 15, addio alle SIM anche in Italia?
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 aprile


web metrics