Ubuntu polverizza Windows 7 nei benchmark

Una serie di test non ufficiali condotti sulla beta di Windows 7 sembrano mostrare chiaramente la maggiore efficienza del sistema open source. Il prodotto di Microsoft, però, ha ancora tempo per migliorare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2009]

Ubuntu Windows 7 benchamrk Tuxradar

Anche se Windows 7 non è ancora finito, il sito Tuxradar ha voluto testarne una versione e confrontarne le performance sia in confronto a Ubuntu (8.04 e 8.10) che in confronto a Windows Vista.

I test sono stati condotti sempre sulla stessa macchina, un Intel Core i7 920 (processore quad core a 2,67 GHz con 8Mbyte di cache L3) accompagnato da 6 Gbyte di Ram e due dischi da 500 Gbyte l'uno, ognuno con 16 Mbyte di cache.

Chi ha condotto le prove non ha apportato alcun miglioramento o adottato alcun trucco per migliorare le prestazioni: quelli installati erano i sistemi puri, così come farebbe un normale utente che si trovasse un computer nuovo e un sistema operativo da installare.

Windows 7 è stato installato nella versione beta 1 Ultimate, l'unica che Tuxradar avesse a disposizione; per Ubuntu 9.04 è stata invece scelta la build del 22 gennaio.

I risultati sono interessanti: globalmente, pare che Ubuntu sia decisamente più veloce del concorrente made in Redmond, che pure si comporta meglio del proprio predecessore.

Il tempo di installazione del sistema open source, per esempio, è decisamente più breve (903 secondi per la versione 8.10-x86) rispetto a quello del sistema closed (1393), che in questo particolare caso riesce a fare anche peggio di Vista, che impiega solo 1235 secondi.

Anche sullo spazio occupato dopo l'installazione non c'è confronto: Ubuntu - che incorpora anche diverse applicazioni e OpenOffice - occupa 2,2 Gbyte, mentre Windows 7 ha bisogno di ben 7,9 Gbyte.

Windows brilla invece per quanto riguarda i tempi di avvio: 59,8 secondi contro i 68 di Ubuntu e i 65 di Vista; è invece un po' più lento a spegnersi: 13,4 secondi contro gli 8,5 di Ubuntu e i 9,3 di Vista, che però nella versione a 64 bit impiega ben 25,9 secondi.

Ubuntu 8.10 è il più veloce a spegnersi, Vista 64 il più lento

I test non si sono limitati a questo: nella copia di file (da Usb a disco rigido e da disco a disco) sia grandi che piccoli il sistema basato su Linux è emerso chiaramente vincitore.

Una nota curiosa: per installare Ubuntu sono necessari meno click - solo 7 - rispetto a quelli che servono per installare Windows, che ne richiede 14.

Ciò ovviamente non comporta una maggiore facilità complessiva dell'installazione: se cliccare meno è piacevole, l'installazione di Ubuntu è in certi passaggi un po' ostica per l'utente medio.

Prima del rilascio ufficiale Windows 7 ha ancora dei margini di miglioramento, e molto probabilmente ne approfitterà: facilmente la versione definitiva sarà più veloce della beta testata da Tuxradar, il quale ammette in ogni caso che ogni benchmark solleva questioni e problemi e, pertanto, non può essere considerato assoluto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 28)

Chi ha scaricato Windows 7 dai torrent non credo si faccia dei problemi a rispettare l'Eula ;-)
13-2-2009 15:06

Hanno qualcosa da nascondere, o da non volere che sia confrontata? :madai: :ahrahr: 8-[ Leggi tutto
13-2-2009 14:21

{anon}
I benchmark sono una violazione dell'EULA Leggi tutto
13-2-2009 03:32

Io non ho parole ragazzi !!!
9-2-2009 18:54

Quoto in pieno! :D Leggi tutto
9-2-2009 18:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5189 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics