Il contro-emendamento Cassinelli ridimensiona la censura del Web

Proposto un emendamento all'emendamento dell'onorevole D'Alia che vorrebbe trasformare i provider nei poliziotti di Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2009]

Cassinelli controemendamento D'Alia 50 bis

"Da Internet devono scomparire tutti i siti e le pagine che istigano a delinquere o che inneggiano alla mafia e alla violenza ma per fare ciò non si può pensare di oscurare l'intera rete": a parlare così è l'onorevole Roberto Cassinelli, autore di un emendamento all'emendamento proposto dal senatore D'Alia per "ripulire la rete" e tanto discusso.

Il bersaglio degli strali dell'onorevole D'Alia (Udc) era in primis Facebook, apparentemente visto come una zona franca in cui tutto è possibile, persino dichiararsi fan di Totò Riina. A causa della presenza di soggetti come questi il senatore sembrava convinto che il social network dovesse sparire completamente, con buona pace delle persone "normali" che lo frequentano.

Il suo collega Cassinelli (Pdl) non è d'accordo: bisogna trovare il sistema di eliminare solo i contenuti inaccettabili, non bloccare un'intero servizio per colpa del comportamento di pochi, come già faceva notare Facebook stesso.

Per Cassinelli la cosa migliore è procedere per gradi: rilevando uno dei contenuti indicati come "da rimuovere" bisognerebbe prima rivolgersi direttamente a chi l'ha immesso, chiedendogli di levarlo entro 24 ore. A farlo dovrebbe essere la magistratura, non il Ministero dell'Interno.

Un ritardo nell'ottemperare porterebbe a una multa tra i 1.000 e i 70.000 euro e, superati i tre giorni senza che nulla sia accauto, il giudice inquirente dovrebbe rivolgersi alla piattaforma che ospita il contenuto, non all'Isp.

Il gestore della piattaforma avrebbe quindi 48 ore di tempo per adempiere, passate le quali si esporrebbe a una sanzione tra i 10.000 e i 100.000 euro; la sua responsabilità sarebbe limitata però all'omissione, non riguarderebbe il contenuto.

Tutto bene, dunque? Sì e no. Il contro-emendamento è sicuramente migliore dell'originale, ma resta fumoso su alcuni aspetti. Non è chiaro, per esempio, che cosa si debba fare per impugnare i provvedimenti, ma soprattutto risulta generico il riferimento a contenuti che "istigano a delinquere" e, come diceva D'Alia, all'apologia di reato.

Il terreno su cui si stanno muovendo i legislatori è particolarmente scivoloso, perché va a toccare la libertà di opinione e la possibilità di esprimersi. Dopotutto, nessuno obbliga a visitare un dato sito. Il problema non è la Rete ma piuttosto la società, di cui Internet è solo un riflesso; intervenire sul riflesso non risana la sua fonte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Anarchia = immunità dei delinquenti Leggi tutto
18-12-2009 16:12

Non è detto, ma è possibile, direi addirittura probabile se nessuno muove obiezioni! In fondo è proprio la direzione in cui è evidente molti politici vogliano andare... Inoltre, non c'è dubbio che attualmente un comportamento come quello previsto da quella direttiva sarebbe illegale, ma il punto è proprio che per recepire la direttiva i... Leggi tutto
24-2-2009 19:23

Qualsiasi persona inebriata dal potere, e lusingata dal denaro puo lasciarsi andare a dire e fare sciocchezze, ma i limiti naturali sono sempre invalicabili. Una qualsiasi norma che preveda la esclusione del processo (qui non capisco la parola EQUO perchè esiste anche il processo iniquo) diventa per l'ordinamento di paesi come italia,... Leggi tutto
23-2-2009 20:57

{Scambioetico}
A proposito: l'UE sta per distruggere internet! Leggi tutto
23-2-2009 17:59

Concordo con zeross sul passo in avanti soprattutto per quel che riguarda il trasferimento della competenza alla magistratura; la ritengo una cosa importantissima e mi sembra giusto riconoscere che a fare l'emendamento è stato un deputato di Forza Italia. Certo, a questo punto mi chiedo l'utilità di questa nuova legge. Introduce il... Leggi tutto
23-2-2009 17:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (422 voti)
Aprile 2024
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Il piano Merlyn, ovvero la liquidazione di Tim
Falla nelle serrature elettroniche, milioni di stanze d'hotel a rischio
L'antenato di ChatGPT in un foglio Excel
La valle inquietante
La crisi di Tim e la divisione sindacale
La fine del mondo, virtuale
WhatsApp e Messenger aprono agli altri servizi di chat
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 aprile


web metrics