Brunetta proibisce Facebook agli statali

Il ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione annuncia l'installazione di un filtro che impedirà di accedere a Facebook dai Pc dei dipendenti pubblici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2009]

facebook brunetta statali

E' Facebook il ricettacolo dei fannulloni italiani? Il più amato dagli scansafatiche? E' questa l'opinione del ministro Renato Brunetta.

Il ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione è entusiasta di Facebook, per i contatti che gli consente con l'elettore; ma la maggior parte degli accessi a Facebook, a suo dire, avverrebbero dai Pc dei dipendenti pubblici.

Per questo motivo il ministro Brunetta ha annunciato l'installazione di un filtro che impedisca agli statali di accedere dalle proprie postazioni di lavoro al popolarissimo network.

Alcuni enti pubblici avevano già in passato limitato l'accesso a Facebook: per esempio il Comune di Torino consente la navigazione libera sui social network solo per un'ora durante la pausa del pranzo.

Numerose sono anche le realtà private che hanno già proibito la navigazione su Facebook ai dipendenti, o installato dei filtri appositi.

Va anche detto che sono molti gli enti statali, dall'Arma dei Carabinieri all'Inps a Regioni e Comuni, che sono presenti da mesi su Facebook, offrendo servizi e news.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 63)

Brunetta il ministro anti ministro statale Leggi tutto
14-5-2009 21:49

è quello che sostenevo anch'io 3/4 pagine fa ma nessuno mi legge .... :cry: :cry: :cry: (beh, scherzo, non sono poi così permaloso però mi fa piacere trovare altre 3 persone che non si lasciano abbindolare dalla facile propaganda) cmq vorrei anch'io unirmi a voi sul rapporto "ore_di_lavoro\evoluzione_tecnologia": credo... Leggi tutto
12-5-2009 11:31

Guarda, zeussino, il mio intervento era mirato non a proporre di cominciare a lavorare 4 ore al giorno da domani, la cosa è operativamente irrealizzabile per tantissimi motivi, oltre a quello che hai sottolineato te. Io volevo solo fare una considerazione molto generale. Far ragionare la gente su quello che per me è un dato di fatto:... Leggi tutto
11-5-2009 00:36

In realtà l'intervento, seppuer forte, di uguccione500 non è così fuori dalla grazia di dio. Io sono uno che per esperienza purtroppo ha avuto molte incazzature con la pa e i fancazzisti di questa però c'è anche chi si sbatte. Un esempio cretino ma che rende l'idea: il 6 e il 7 del prossimo mese ci saranno le elezioni. Io sarò... Leggi tutto
10-5-2009 19:55

e io invece chiedo scusa perchè credevo di essere nel forum di politica e invece sono in new economy, e quindi il mio intervento è un po' troppo sopra le righe e fuori luogo, forse. :oops: :oops: :oops: comunque volevo solo dire di non appiccicarci l'un l'altro per le nostre idee se sono diverse, tutto qui. ma torniamo a brunetta.... Leggi tutto
10-5-2009 19:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1467 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics