Facebook rende più intelligenti, Twitter no

I social network sviluppano la "memoria di lavoro", ma il microblogging deprime il quoziente d'intelligenza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-09-2009]

Facebook rende più intelligenti, Twitter no

Giocare a videogiochi di guerra, risolvere Sudoku e usare Facebook: tutte attività che fanno bene al cervello. Inviare Sms, guardare video su YouTube e darsi al microblogging con Twitter: tutte attività che fanno malissimo alla "memoria di lavoro".

Questa divisione è stata elaborata dalla dottoressa Tracy Alloway, psicologa dell'Università di Stirling, in Scozia, dopo aver effettuato degli esperimenti sull'uso della "working memory" (la capacità di memorizzare e usare informazioni) su diversi soggetti.

La working memory, secondo la dottoressa Alloway, è una misura più significativa rispetto al quoziente intellettivo nello stabilire il benessere e l'intelligenza.

Alcune attività hanno un influsso benefico sullo sviluppo della memoria di lavoro: mantenere i contatti con un nugulo sterminato di amici, coi quali scambiare messaggi più lunghi di 140 caratteri, è una di queste.

Per inciso, i videogiochi di guerra sono egualmente benefici perché coinvolgono la tattica e la strategia, oltre che la capacità di ricordare e utilizzare le informazioni appena ricevute: "devi tenere traccia delle azioni passate e programmare quelle che stai per eseguire" ha spiegato la dottoressa.

Twitter, invece, non gode di nessuna di queste caratteristiche: "Su Twitter ricevi un flusso di informazioni infinito, ma anche molto stringato. Non devi analizzare queste informazioni, la durata dell'attenzione si riduce, il cervello non viene coinvolto e le connessioni nervose non aumentano".

Secondo Tracy Alloway c'è anche un chiaro legame tra il passare ore davanti al televisore (con conseguenze simili a quelle appena descritte) e la Sindrome da deficit dell'attenzione, mentre l'invio continuo di Sms può essere associato a bassi punteggi nel quoziente d'intelligenza.

Un abuso delle attività "istantanee", per così dire, quelle che non richiedono un approfondimento o un intervento attivo, sarebbe quindi tra le cause di un'intelligenza meno sviluppata e di un cervello meno allenato ed efficiente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{Min Kione}
ricerca finanziata... Leggi tutto
14-9-2009 10:50

Naturalmente si dovrebbe prima leggere per intero lo studio della psicologa prima di emettere giudizi. Tuttavia da quello che viene riportato nella News mi pare che si tratti di una serie di sciocchezze (e non dico di peggio!) messe in fila. Le attività elencate sono, a ben vedere, molto simili. Inoltre accade spesso che chi faccia... Leggi tutto
10-9-2009 10:37

Non mi sembra che il popolo medio di fb sia così furbo ed intelligente... :?
9-9-2009 22:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1820 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 gennaio


web metrics