Giovani, sette ore al giorno con Internet, Tv e cellulare

L'uso dei media digitali tra i giovanissimi è in crescita. Penalizzati giornali e riviste, ma non i libri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-01-2010]

Kaiser Family Foundation ragazzi e media

Secondo uno studio condotto dalla Kaiser Family Foundation, negli ultimi cinque anni il tempo che ogni giorno i ragazzi tra gli 8 e i 18 anni passano con i media digitali è aumentato di 1 ora e 17 minuti.

I più giovani, almeno negli Stati Uniti, guardano la televisione, giocano con i videogiochi, navigano in Internet e usano il cellulare per una media di 7 ore e 38 minuti ogni giorno, circa 53 ore alla settimana.

Considerando però che più attività vengono portate avanti contemporaneamente (per esempio ascoltando musica mentre si guarda un video o si legge una rivista online), la Fondazione ha calcolato che ogni ragazzo affronta in media 10 ore e 45 minuti di contenuti vari ogni giorno.

Nel computo la Kaiser Family ha considerato solo il tempo dedicato alle attività di svago e divertimento, non quello dedicato allo studio, che pure a volte avviene tramite i media digitali.

La Tv intesa in senso tradizionale occupa soltanto 25 minuti al giorno ma, aggiungendo i filmati visualizzati via Web, telefonino o lettore Mp3 il tempo speso guardando i video sale a 4 ore e 29 minuti complessivi.

Il tempo dedicato alla lettura di materiale stampato è andato riducendosi, sempre negli ultimi cinque anni, da 43 a 38 minuti al giorno; le vittime principali sono quotidiani e settimanali (soppiantati da un paio di minuti al giorno dedicati alle riviste online), mentre invece resiste il tempo dedicato alla lettura di libri.

Parte della giornata, poi, è dedicata all'uso del telefonino: la media è di 33 minuti al giorno spesi in conversazione; i ragazzi dai 12 ai 18 anni inviano in media 118 messaggi al giorno (occupando in quest'attività 1 ora e 35 minuti).

Tutti questi dati, raccolti nel rapporto Generation M2: Media in the Lives of 8- to 18-Year-Olds hanno uno scopo, come spiega Drew Altman, presidente e Ceo della Fondazione: "Quando bambini e ragazzi spendono tanto tempo facendo qualcosa, abbiamo bisogno di sapere come ciò li influenzi, nel bene e nel male".

L'aumento del tempo trascorso con questi media dipende anche dalla maggior diffusione dei telefonini e dei lettori musicali: se nel 2004 il 39% dei ragazzi presenti nella fascia d'età considerata possedeva un cellulare, oggi siamo arrivati al 66%; i possessori di un lettore Mp3, invece, sono cresciuti con ancora più decisione passando dal 18 al 76%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Speriamo che il cervello, non ancora adattato in termini evoluzionistici, non ci vada in CORTOCIRCUITO :shock: sicuramente anche io faccio scorpacciate non da poco... solo nell'uso del telefonino mi distinguo... si e no una telefonata al giorno di media e 2-3 messaggi a settimana e poi niente videogiochi... sarà che son vecchio di... Leggi tutto
26-1-2010 14:20

Mi sembrano tantine. Vuol dire che a parte quando sono a scuola diciamo un 5 orette al giorno (e si spera non usino niente di niente se non nelle aule informatiche) ogni singolo minuto secondo della giornata fino a che vanno a dormire o guardano la tv, o sono al cellulare, o giocano con uno dei vari dispostivi o sono al computer,... Leggi tutto
26-1-2010 10:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3111 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics