I cybercriminali ora usano la pubblicità

Per diffondere il malware i criminali informatici cercano collaboratori mettendo inserzioni sui siti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-02-2010]

Criminali informatici pubblicità Kevin Stevens

I criminali informatici ormai agiscono alla luce del Sole: non solo, si fanno anche pubblicità in cerca di collaboratori.

L'avvertimento viene da Kevin Stevens, analista di SecureWorks, il quale ha scovato nel Web annunci pubblicitari di due aziende che cercano persone disposte ad apporre il codice malevolo da loro fornito a qualcosa su cui le persone cliccherebbero volentieri.

Uno dei due "inserzionisti" offre 180 dollari per ogni 1.000 volte che il malware viene scaricato negli Stati Uniti, ma non dà nemmeno un soldo se il download avviene in Russia (il che fa sorgere qualche sospetto sulla nazionalità dei criminali).

Con il passare del tempo il problema del cybercrimine non fa altro che diventare peggiore: l'FBI quantifica le perdite subite da singoli cittadini americani per attività criminali online nel corso del 2008 in 264 milioni di dollari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

"Con il passare del tempo il problema del cybercrimine non fa altro che diventare peggiore: l'FBI quantifica le perdite subite da singoli cittadini americani per attività criminali online nel corso del 2008 in 264 milioni di dollari." Ma l'FBI (e tutte le equivalenti negli altri paesi occidentali) invece che... Leggi tutto
5-2-2010 12:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3129 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics