La scuola che spia gli studenti a casa con la webcam

I notebook degli studenti erano utilizzati per controllarli anche a casa, in remoto, tramite le webcam integrate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-02-2010]

Scuola spia studenti webcam laptop Lower Merion

Gli studenti delle scuole superiori di Filadelfia, negli Stati Uniti, finora si sono probabilmente considerati fortunati: il locale distretto scolastico di Lower Merion ha infatti fornito loro un laptop a testa in base all'iniziativa one-to-one, creata con l'intento ufficiale di aiutare nello studio anche tramite le nuove tecnologie.

A incrinare questo scenario positivo è però arrivata la ramanzina fatta dal vicepreside a Blake Robbins, uno dei 1.800 ragazzi coinvolti nel programma, "per aver tenuto un comportamento inappropriato nella propria casa", accusa sostenuta con delle fotografie ottenute con ogni evidenza tramite la webcam integrata nel laptop.

È nata così la class action - promossa dal padre di Blake e condotta in rappresentanza di tutti gli studenti nella stessa situazione - che ha messo sotto accusa il distretto scolastico, il quale si sarebbe arrogato il diritto di usare i portatili consegnati ai ragazzi come mezzi di sorveglianza.

"Il distretto ha la possibilità di attivare da remoto e in ogni momento le webcam integrate al fine di intercettare immagini di chiunque o qualunque cosa appaia davanti alla videocamera" si legge nella documentazione prodotta dall'avvocato del signor Robbins.

I genitori degli studenti ora cercano il riconoscimento dei danni subiti per violazione della privacy, furto di informazioni private e intercettazione illegale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Harvard, l'università controlla presenze studenti con videocamere
Risarcimento record a ragazzina spiata su Facebook dalla scuola

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

[img:06879977b3]http://img215.imageshack.us/img215/2936/61348086.gif[/img:06879977b3] Leggi tutto
23-2-2010 21:51

Comunque pare che chi abbia visto il video abbia scambiato per droga delle caramelle e per questo ha deciso di intervenire. (se ritrovo la fonte ve la posto). Se è così a me viene in mente che la cosa è ancora più viscida! Infatti a me questa cosa ha fatto venire in mente la seguente catena di implicazioni: Spiando con la scusa di... Leggi tutto
23-2-2010 21:50

Pensavo di venirti incontro se ti fai mettere in cella con me! :inc:
23-2-2010 21:17

Già... e la gnocca? Che fai, i buchi nel muro? Leggi tutto
23-2-2010 04:44

Caro Dan, sai benissimo che se c'è da tirare dei lordoni in faccia ai dementi io sono sempre disponibile! A me bastano le lucky strike in cella e vivo bene come un angioletto!
22-2-2010 20:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1978 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics