Cyber war, il conflitto diventa virtuale

Gli Usa attivano il Cyber Command per fronteggiare gli attacchi che provengono da Internet. Intanto in Italia si discute sulla privatizzazione della Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2010]

Usa Cyber Command

Il Cyber Command - il team messo a punto dagli Stati Uniti per fronteggiare e prevenire attacchi attraverso la Rete - è completo e pronto all'azione, anche se manca ancora l'approvazione da parte del Senato.

L'obiettivo ultimo dichiarato dal progetto è accorpare le risorse del dipartimento della difesa, in ambito IT, per fronteggiare la cresciuta minaccia degli attacchi informatici.

Lo scorso giugno, il segretario alla difesa americano Robert Gates ha dato il via alla creazione di un gruppo che si inserisse all'interno del Comando Strategico americano per operare, coordinare e monitorare gli oltre 15.000 computer in rete delle oltre 4.000 basi presenti in 88 Paesi nel mondo.

Il Cyber Command è visto, all'interno del dipartimento della difesa, come una tappa obbligata per una riorganizzazione vitale e necessaria, con l'intento di integrare l'operatività della sua vasta rete di risorse di calcolo attualmente indipendenti.

Intervenendo la scorsa settimana all'House Armed Services Committee, il generale Kevin Chilton (capo del Comando Strategico degli Stati Uniti) ha sottolineato l'importanza di superare l'attuale segregazione delle risorse operative in ambito IT.

Il generale Chilton ha affermato che "questo isolamento del network della difesa riduce le possibili sinergie e incide negativamente sulla nostra esperienza di organizzazione in ambito aereo, marittimo e terrestre. Con l'istituzione del Cyber Command gli Stati Uniti avranno modo di porre rimedio a questo problema".

Si intuisce, data l'importanza che viene attribuita alla Rete e in particolare al network strategico militare della nazione, che sempre più un sistema come quello di Internet è passato da semplice servizio a dorsale fondamentale delle comunicazioni moderne e può incidere sostanzialmente nel percorso democratico di un Paese.

Sarebbe auspicabile che anche il nostro sistema di governo desse altrettanta importanza al settore, considerate le attuali tendenze di privatizzazione delle strutture portanti della Rete con la prospettiva della gestione di queste da parte di società straniere, che di certo potrebbero incidere sulla politica in ambito di libertà di comunicazione.

La tendenza attuale, per ciò che riguarda la proprietà di gestione della infrastruttura di rete e quindi dell'informazione che su di essa vi transita, sembra ormai porsi in analogia alla gestione della moneta, in cui lo Stato delega le banche centrali ad organo di gestione e controllo, in quanto incapace (per ovvie ragioni politiche) di gestire e amministrare convenientemente il flusso monetario.

La domanda che viene spontaneo porsi è: ci conviene questa analogia?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

...Con l'ulteriore non marginale vantaggio di avere l'ennesimo ente governativo terminale di massicci stanziamenti e capace di comodissime attività di spionaggio et similia... Leggi tutto
30-3-2010 14:41

{visnotjl}
quis custodiet custodes ? ...... Leggi tutto
30-3-2010 13:09

Lavarsene le mani Leggi tutto
29-3-2010 13:33

Ogni analogia con una banca risulta fuorviante visto che il cosidetto Comando per la guerra cibernetica è un organo dello stato americano e non una istituzione separta che gode di autonomia di gestione come è la riserva federale degli stati uniti. :P Ed in quanto organo del governo agisce su diretta istruzione esecutiva del detentore... Leggi tutto
29-3-2010 13:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia più complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2774 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics