Mozilla svela i piani per Firefox 4

La prima beta arriva a giugno. Nuova interfaccia, maggiore velocità e nessun riavvio dopo l'installazione di un plugin.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-05-2010]

Mozilla Firefox 3.7 4

Questa volta Mozilla sembra aver preso davvero una decisione irrevocabile: la prossima versione del suo browser si chiamerà Firefox 4.0, e non ci sarà alcuna versione 3.7.

A dire la verità, la versione 3.7 era già stata ufficialmente cancellata qualche tempo fa ma poi era rispuntata periodicamente; finora non era chiaro se avrebbe visto la luce o se ci sarebbe stato il salto diretto alla prossima major version.

Ora Mozilla ha definitivamente deciso di continuare per la strada inaugurata con il rilascio di Firefox 3.6: rilasciare alcuni pacchetti di funzionalità aggiuntive durante il ciclo di vita di questa versione (le varie minor version) e preparare il grande salto alla versione 4, attesa per novembre 2010.

Tutto ciò che finora è stato Firefox 3.7 dovrebbe dunque confluire in Firefox 3.6.4, che integrerà anche le tecnologie già viste nella beta nota come Lorentz, ossia la possibilità di eseguire i plugin in processi separati.

Poi, a giugno, uscirà la prima beta di Firefox 4.0, che integrerà le funzionalità della piattaforma di sviluppo delle estensioni chiamata JetPack e mostrerà una nuova interfaccia.

Firefox 4.0 avrà un aspetto più "pulito", minimale. Mike Beltzner, capo degli sviluppatori, ha spiegato che "meno gli utenti hanno sott'occhio, più velocemente riescono a gestire il tutto e più veloce sembra l'applicazione. Così in realtà stiamo rendendo più veloce l'interfaccia cambiandone l'aspetto".

Tutto ciò, tradotto, suona sospettosamente come "cercheremo di imitare Google Chrome", ma d'altra parte è una strada che anche altri browser - come Opera, nella sua ultima incarnazione, sembra voler procedere in questa direzione - paiono seguire.

Le novità di Firefox 4.0 includeranno anche una nuova gestione degli add-on (la cui installazione non richiederà più un riavvio), la sostituzione delle finestre di dialogo con dei "fumetti" legati a ogni scheda (così da non interrompere la navigazione nelle altre schede) e l'installazione degli aggiornamenti in background.

Gli sviluppatori potranno usare una nuova "console" a loro dedicata per analizzare il codice dei siti (che nelle descrizioni assomiglia molto a Firebug) mentre le prestazioni nell'esecuzione di JavaScript miglioreranno grazie a JaegerMonkey, l'ultimo miglioramento apportato al motore TraceMonkey.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Infatti, il problema non è il fatto di far proprie le soluzioni valide ma di assistere a panegirici su un programma che di suo ha veramente poco (per non dire praticamente nulla): come si diceva un tempo, diamo a Cesare quel che è di Cesare. :wink:
13-5-2010 16:25

ma copiare o utilizzare non è in fondo un male..tanto più su prodotti free. se ad esempio l'interfaccia di Chrome è valida, non vedo il perchè anche altri non possano andare in quella direzione (o viceversa)
13-5-2010 15:32

@ Yoda: Perdonami, ma stai dicendo delle falsità colossali: proprio FF è il browser a più alto tasso di scopiazzatura della storia, fatti un giro in rete ed informati, scoprirai che Mozzilla non ha inventato quasi niente.
12-5-2010 09:51

Questa storia di ... Leggi tutto
12-5-2010 00:20

Firefox è il browser più innovatore. Leggi tutto
11-5-2010 23:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (2661 voti)
Ottobre 2019
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
Tutti gli Arretrati


web metrics