I Pirati della baia tornano all'arrembaggio

Grazie al Partito Pirata svedese The Pirate Bay torna sul Web. Per lottare in favore favore della libertà di espressione e comunicazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2010]

Falkvinge Piratpartiet The Pirate Bay partito

Rickard Falkvinge - capo del Piratpartiet, il famoso e contestato partito svedese che difende le libertà su Internet - ha deciso di offrire a The Pirate Bay un porto sicuro da usare come base per le future operazioni.

Un annetto fa il tribunale penale di Stoccolma aveva condannato i responsabili del sito a un anno di detenzione per complicità nella violazione del diritto d'autore e ora il tribunale di Amburgo ha imposto un nuovo oscuramento del sito.

"Nulla di più sbagliato" afferma il leader del Partito Pirata: The Pirate Bay è soltanto un motore di ricerca e non un collettore di file, come per esempio eMule, per cui non è responsabile né dei risultati né dell'uso che ne fanno gli utenti.

Così il Piratpartiet ha deciso di diventare il nuovo Internet Provider della Baia dei Pirati, fornendo la banda necessaria per tornare online nonostante quella che Falkvinge ha definito "una censura politica".

Falkvinge ribadisce ancora una volta di essere stanco del gioco del gatto col topo portato avanti dalle major di Hollywood e che il tentativo di escludere la Baia da Internet maschera il desiderio di imbavagliare una delle più importanti voci sui diritti civili e la libertà presenti nel Web.

Tuttavia, salvo alcuni casi sporadici, le associazioni a tutela dei diritti degli autori ed editori hanno sin qui mietuto successi nella lotta contro i Pirati della Baia, oscurati in Olanda come in Italia, in Inghilterra come in Germania.

D'altro canto i divieti e le censure sono facilmente aggirabili con tecnologie alla portata di tutti, come i proxy anonimi; in Rete si trovano un mucchio di suggerimenti utili allo scopo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

NON sono un fan del peer to peer, non ho neanche il mulo installato, ma TIFO PER LORO :ola: :ola:
24-5-2010 14:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6008 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics