I Pirati della baia tornano all'arrembaggio

Grazie al Partito Pirata svedese The Pirate Bay torna sul Web. Per lottare in favore favore della libertà di espressione e comunicazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2010]

Falkvinge Piratpartiet The Pirate Bay partito

Rickard Falkvinge - capo del Piratpartiet, il famoso e contestato partito svedese che difende le libertà su Internet - ha deciso di offrire a The Pirate Bay un porto sicuro da usare come base per le future operazioni.

Un annetto fa il tribunale penale di Stoccolma aveva condannato i responsabili del sito a un anno di detenzione per complicità nella violazione del diritto d'autore e ora il tribunale di Amburgo ha imposto un nuovo oscuramento del sito.

"Nulla di più sbagliato" afferma il leader del Partito Pirata: The Pirate Bay è soltanto un motore di ricerca e non un collettore di file, come per esempio eMule, per cui non è responsabile né dei risultati né dell'uso che ne fanno gli utenti.

Così il Piratpartiet ha deciso di diventare il nuovo Internet Provider della Baia dei Pirati, fornendo la banda necessaria per tornare online nonostante quella che Falkvinge ha definito "una censura politica".

Falkvinge ribadisce ancora una volta di essere stanco del gioco del gatto col topo portato avanti dalle major di Hollywood e che il tentativo di escludere la Baia da Internet maschera il desiderio di imbavagliare una delle più importanti voci sui diritti civili e la libertà presenti nel Web.

Tuttavia, salvo alcuni casi sporadici, le associazioni a tutela dei diritti degli autori ed editori hanno sin qui mietuto successi nella lotta contro i Pirati della Baia, oscurati in Olanda come in Italia, in Inghilterra come in Germania.

D'altro canto i divieti e le censure sono facilmente aggirabili con tecnologie alla portata di tutti, come i proxy anonimi; in Rete si trovano un mucchio di suggerimenti utili allo scopo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

NON sono un fan del peer to peer, non ho neanche il mulo installato, ma TIFO PER LORO :ola: :ola:
24-5-2010 14:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1854 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics