Google, via libera alla fusione con AdMob

La Ftc ha dato il proprio benestare. Nasce un gigante della pubblicità, che opererà online e sui dispositivi mobili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2010]

Admob google ftc apple iad pubblicità

Ogni volta che due aziende leader nei rispettivi settori esprimono l'intenzione di unirsi, la Federal Trade Commission americana entra in azione: per evitare la creazione di un cartello che escluda l'ingresso di ulteriori concorrenti, spesso l'operazione di fusione viene bloccata e analizzata fin dei dettagli.

Così è successo anche al progetto di Google e AdMob, l'una leader nel settore delle pubblicità online e l'altra leader nel settore delle pubblicità sui dispositivi mobili, che lo scorso novembre avevano annunciato l'intenzione di diventare una sola felice ed enorme famiglia.

A marzo la Ftc ha bloccato tutto: un accordo del genere avrebbe potuto impedire l'apparizione di nuovi concorrenti interessati a sfruttare il mercato dell'advertising.

Poi è spuntata Apple, presentando la propria piattaforma iAd, e la società di Cupertino ha involontariamente assunto il ruolo di salvatrice dell'accordo Google-AdMob.

Apple è infatti - secondo l'opinione della Ftc - un soggetto forte nel mercato pubblicitario grazie a prodotti come iTunes e iPhone.

La sua presenza evita il problema della costituzione di un monopolio che la fusione tra Google e AdMob potrebbe presentare, e dunque la Commissione si è sentita libera di dare il proprio benestare alle due aziende.

Ora la guerra per la pubblicità mobile può cominciare; a meno che non si sia scongiurato il pericolo di un monopolio solo per aprire la strada a un duopolio, mentre si aspettano le reazioni di Microsoft e Yahoo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1866 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics