Google, via libera alla fusione con AdMob

La Ftc ha dato il proprio benestare. Nasce un gigante della pubblicità, che opererà online e sui dispositivi mobili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2010]

Admob google ftc apple iad pubblicitÓ

Ogni volta che due aziende leader nei rispettivi settori esprimono l'intenzione di unirsi, la Federal Trade Commission americana entra in azione: per evitare la creazione di un cartello che escluda l'ingresso di ulteriori concorrenti, spesso l'operazione di fusione viene bloccata e analizzata fin dei dettagli.

Così è successo anche al progetto di Google e AdMob, l'una leader nel settore delle pubblicità online e l'altra leader nel settore delle pubblicità sui dispositivi mobili, che lo scorso novembre avevano annunciato l'intenzione di diventare una sola felice ed enorme famiglia.

A marzo la Ftc ha bloccato tutto: un accordo del genere avrebbe potuto impedire l'apparizione di nuovi concorrenti interessati a sfruttare il mercato dell'advertising.

Poi è spuntata Apple, presentando la propria piattaforma iAd, e la società di Cupertino ha involontariamente assunto il ruolo di salvatrice dell'accordo Google-AdMob.

Apple è infatti - secondo l'opinione della Ftc - un soggetto forte nel mercato pubblicitario grazie a prodotti come iTunes e iPhone.

La sua presenza evita il problema della costituzione di un monopolio che la fusione tra Google e AdMob potrebbe presentare, e dunque la Commissione si è sentita libera di dare il proprio benestare alle due aziende.

Ora la guerra per la pubblicità mobile può cominciare; a meno che non si sia scongiurato il pericolo di un monopolio solo per aprire la strada a un duopolio, mentre si aspettano le reazioni di Microsoft e Yahoo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cos'Ŕ che valuti maggiormente quando acquisti uno smartphone?
La dimensione dello schermo
Il processore
La durata della batteria
Il prezzo
La velocitÓ di connessione

Mostra i risultati (3802 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics