Facebook e la privacy, le scuse ufficiali di Zuckerberg

Il creatore di Facebook si scusa per gli errori commessi. Promessi cambiamenti sostanziali. Gli utenti potranno davvero controllare la propria privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2010]

Zuckerberg Facebook scuse privacy

Lo spettacolo sembra un po' quello già visto in passato: Facebook commette un grosso errore pensando che ai propri utenti la privacy non interessi, questi protestano, segue un momento di incertezza e poi il social network torna sui propri passi.

Stavolta però il tutto è avvenuto molto più in grande stile. Prima i Garanti europei per la privacy - e i membri del Congresso Usa - hanno protestato contro Facebook.

Poi gli utenti, resisi conto che il social network non ha alcun rispetto per la loro riservatezza, si sono arrabbiati al punto da indire un Quit Facebook Day - tuttora fissato per il prossimo 31 maggio - ossia un giorno in cui abbandonare in massa la creatura di Mark Zuckerberg.

Infine, l'ultimo (per ora) atto vede protagonista proprio lui, il fondatore di Facebook, che non tramite il solito post sul blog ma con una lettera aperta pubblicata sul Washington Post chiede ufficialmente scusa a tutti. E spera di non essere abbandonato, proprio adesso che stava iniziando a capire come far guadagnare soldi a palate.

"Abbiamo sbagliato" ammette Mark Zuckerberg senza mezzi termini. "La più grande lezione che abbiamo imparato negli ultimi tempi è il fatto che la gente vuole più controllo sulle proprie informazioni".

"Per spiegarla in maniera semplice, molti di voi hanno pensato che i nostri controlli fossero troppo complicati"; una complicazione, spiega ancora Zuckerberg, nata però in buona fede: "la nostra intenzione era darvi molti mezzi di controllo granulare; ma forse non è quello che volevate".

Così Facebook si prepara a cambiare ancora una volta: il suo fondatore promette che, nelle prossime settimane, le impostazioni per la gestione della privacy saranno molto più semplici di quelle attuali. C'è anche da augurarsi che soddisfino le richieste di chi vorrebbe che la condivisione non sia abilitata di default, ma che al contario ogni informazione vada condivisa esplicitamente.

Con questa mossa Zuckerberg spera probabilmente di aver fermato gli utenti che si preparavano ad andarsene, chiedendo loro di concedere almeno il beneficio del dubbio e di restare finché le nuove impostazioni saranno operative.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{free4ever}
Mi son sempre rifiutato di iscrivermi a FB e per questo sono stato deriso come retrogrado da gente che non sa cosa significhi la sigla WWW. Ora sono nel brodo che si sono preparati ed io navigo in serenità.
29-5-2010 22:21

Per certi versi hai ragione ma, a parte il fatto che è illegale senza il preventivo consenso dell'interessato, si potrebbe fare (e si fa) ovunque sul web: forum, blog... Per non parlare del reale, dove io posso mostrare a chiunque mi garbi le foto fatte con te in gita, e senza che sia neppure illegale... ;-) Leggi tutto
25-5-2010 13:58

io me ne sono andato, ma il problema in questo caso può anche essere che vista la politica di farsi "amici" e vista la possibilità di "taggare" qualcuno, io potrei mettere una foto dove io e te siamo insieme e te stai in un qualche atteggiamento che non vuoi far vedere, poi taggo la foto e tutti la vedono. il... Leggi tutto
25-5-2010 10:25

Dopo aver visto Videocracy penso proprio che alla maggior parte, almeno degli italiani, la privacy non interessi proprio!... ps: un bel film documentario, con un collage di interviste vere che viste tutte insieme nella sequenza narrativa fa impressione anche se i concetti sono noti!
25-5-2010 06:52

{Nicola}
Polli sì, ma volontari! Leggi tutto
25-5-2010 02:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1839 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics