Windows Phone 7, gioia dei pubblicitari

Microsoft: "Sarà una macchina per la pubblicità" su cellulari e smartphone.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-06-2010]

Windows Phone 7 pubblicità

"Una macchina per la pubblicità" (ad-serving machine) è proprio la definizione data da Kostas Mallios, dirigente di Microsoft, parlando di Windows Phone 7.

Il successore di Windows Mobile - il cui debutto è ora ufficialmente previsto per ottobre - realizzerà i sogni dei pubblicitari offrendo loro ben tre modi per raggiungere gli utenti.

Il primo è quello più ovvio, adottato anche da Apple con la piattaforma iAd: consiste nel legare gli spot (statici o aggiornati periodicamente) alle applicazioni, offrendo nuovi servizi e altri software.

Il secondo sistema è invece specifico di Windows Phone 7 poiché sfrutta i nuovi menu del sistema, ossia quelle "mattonelle" (tile) mostrate a suo tempo come una delle novità dell'interfaccia.

I tile possono essere posizionati dall'utente sullo schermo; uno di essi può diventare un cartellone pubblicitario che l'utente può piazzare dove preferisce e si aggiorna sfruttando la connessione, mostrando spot sempre diversi.

Se né l'utente né le mattonelle funzionano, ecco la terza opzione: il toast.

Si tratta di un sistema che consente agli inserzionisti di inviare le proprie pubblicità direttamente sul telefono, sfruttando un sistema di notifiche push: perché gli utenti non ne restino irritati, dovrà essere un modo poco invasivo ma allo stesso tempo accattivante, per raggiungere lo scopo.

Il video sottostante mostra la presentazione tenuta da Mallios al Festival della Pubblicità di Cannes.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

è vero che molti siti internet hanno la pubblicità, ma è anche vero che il mio desk non ce l' ha. Se non ho capito male si vuole inserire la pubblicità fissa anche quando lavoro in locale e non sulla rete :| Se è così l' idea mi terrorizza un po'...
29-6-2010 00:32

Sui siti ci sta, ma se ad esempio ad ogni boot di Windows dovessi sorbirmi uno splash screen di pubblicità con la scritta "Your PC will boot in 30 seconds", o se avessi un banner in office, o uno nel menu start, o invece del desktop un enorme cartellone pubblicitario... mi girerebbero le palle alla grande... Come ha detto... Leggi tutto
28-6-2010 11:01

Leggi tutto
28-6-2010 10:05

E' più o meno quello che ho pensato io... Anche se bisogna vedere cosa ti danno in cambio per la pubblicità. Se lo scambio è equo ci può stare. Anche se alcune frasi dell'articolo fanno pensare al flop... E qui hanno commentato direttamente quelli di Zeus. Non lo so, mi sembra che il terreno sia molto scivoloso. Saluti Leggi tutto
28-6-2010 09:21

Si sono bruciati Leggi tutto
28-6-2010 03:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1235 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics