Virus nelle immagini Jpeg, l'ultima frontiera

E' di questi giorni la notizia di un virus che utilizza normalissime immagini Jpeg quale sistema di trasporto da un computer all'altro. Gli esperti di sicurezza non sembrano preoccupati, ma solo per il momento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-06-2002]

L'idea di visualizzare una comunissima immagine Jpeg sul nostro computer e ritrovarci vittime di un virus è difficile da accettare: se non altro, perché fino a questo momento i files non eseguibili sono sempre stati considerati oggetti "inerti", incapaci, per loro natura, di intraprendere azioni di qualsiasi natura (eccezion fatta per i documenti Word o similari, contenenti macro-virus: ma si tratta di un ambito molto differente).

Secondo gli esperti di sicurezza non c'è troppo da preoccuparsi: è ancora così. Un virus recentemente individuato, battezzato W32-Perrun, si nasconde effettivamente nei files Jpeg, ma è in grado di agire esclusivamente se "risvegliato" da una sua seconda componente, a sua volta già attiva nel computer sul quale l'immagine viene visualizzata. E' ovvio che questa deve raggiungere il computer vittima con mezzi diversi dalle immagini Jpeg: allo scopo potrebbe rivelarsi più che sufficiente sfruttare uno dei bachi presenti in alcuni noti prodotti ed utilizzare la posta elettronica quale veicolo rapido e, come l'esperienza tristemente insegna, terribilmente efficace.

Ma quale può essere lo scopo di un virus che, per agire, necessita che pervengano sullo stesso computer due componenti distinte? Ad esempio, utilizzare il codice trasportato dalla componente Jpeg come un plugin: un medesimo virus potrebbe essere dotato di molti differenti plugins, ciascuno programmato per compiere azioni peculiari e, eventualmente, diverse da quelle di tutti gli altri. E' evidente che ciò sarebbe facilmente causa di una certa confusione sulle caratteristiche del virus stesso e ne renderebbe più difficoltosa l'identificazione.

Se poi venissero utilizzate tecniche di steganografia per nascondere i plugins nelle immagini senza alterarne significativamente l'aspetto, per un software antivirus diventerebbe estremamente arduo intercettarli: oltretutto il medesimo plugin virale potrebbe essere trasportato da molte diverse immagini scelte a caso nell'infinità circolante in Rete.

E non è difficile immaginare applicazioni diverse dal virus vero e proprio: la tecnica descritta potrebbe essere sfruttata dai produttori di spyware per contrabbandare il loro software senza inserirlo direttamente nei programmi che ne fanno uso, dove sarebbe certamente più individualbile.

Ma il virus W32-Perrun, in grado di colpire solo macchine Windows (come il nome suggerisce) e tutto sommato inncouo, potrebbe anche essere un esperimento, un tentativo di percorrere nuove strade: insomma, il precursore di una svolta più o meno prossima nelle strategie adottate dai virus coders.

Ancora una volta si conferma la necessità di non abbassare mai la guardia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2790 voti)
Maggio 2021
WhatsApp cambia le regole, ma niente panico
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 maggio


web metrics