Un cannone orbitale contro i siti delle major

Un attacco DDoS ha messo fuori uso i siti ufficiali di MPAA e RIAA.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-09-2010]

LOIC attaccati siti RIAA MPAA

Sarebbero stati coronati da un successo senza precedenti gli attacchi Distributed Denial of Service - cioè realizzati mediante in numero eccessivo di richieste dirette ai server - portati recentemente da un Collettivo, che si fa chiamare Anonymous ed è espressione della rete 4chan, contro i siti Web delle principali associazioni americane in difesa dei diritti di copyright.

Gli attacchi, che gli osservatori hanno definito "massicci e coordinati", hanno prima reso inaccessibili per ore i siti di RIAA e MPAA e successivamente hanno colpito con ondate successive anche quello di AirPlex Software, una società indiana accusata di adottare le medesime tecniche DDoS per contrastare e rendere irraggiungibili le pagine scomode per gli interessi delle major, come i torrent di The Pirate Bay.

Il Collettivo ha dichiarato che l'Operazione Rimborso, come ha chiamato l'azione, è servita a "rendere pane per focaccia a tutti quelle organizzazioni che danno da fare per ridurre le libertà in Rete".

Altri siti Web sono nel mirino della rete 4chan, a cominciare dalla British Recorded Music Industry (BPI), anche perché è stato distribuito ed è tuttora reperibile in rete il software LOIC (Low Orbit Ion Cannon) che permette facilmente di saturare di richieste i siti oggetto dell'attacco sino a renderli irraggiungibili.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Secondo me è stato un errore mettere in rete il LOIC, anche perchè non è molto difficile da far funzionare (tra l' altro lo si trova anche ora comodamente con google in download diretto...)
26-9-2010 23:59

beh, ma sai, Zeussino, se vendessero a quei prezzi, sia io che te, credo, appoggerebbero le major e non i pirati. perché il lavoro almeno un minimo va retribuito... vorrei domandare a tutti quelli che scaricano continuamente, se LORO avrebbero piacere di lavorare gratis! sei d'accordo NO? se ogni tanto, scarico un film o della musica... Leggi tutto
26-9-2010 22:15

Certa gente non li comprerebbe nemmeno a 1 cent. E magari direbbe che "a 0,1 cent ne venderebbero una marea" ;-)
26-9-2010 02:04

tanto la soluzione resta una sola! un film 1€ un album (1CD) 1€ un ebook 1€ un telefilm 50C una canzone 10C ne venderebbero cifre inimmaginabili!
25-9-2010 21:05

Si avete ragione anche voi, che almeno se ne parla (ma sempre cmq in rete voglio vedere quanti giornali o tv commenteranno :( ) però non so quanto possa cambiare le cose... concordo con Merlin poi su Loic; ci vorrebbero più class action più informazione di massa.. purtroppo le aziende come la riaa si combattono con i loro stessi mezzi... Leggi tutto
25-9-2010 20:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2545 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics