Il viral marketing di GoViral Network

L'azienda si rivolge anche al mercato italiano, con opportunità interessanti per blogger e webmaster che ospiteranno i suoi filmati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-10-2010]

goviral network

Il viral marketing è una tecnica di marketing che si serve del passaparola degli utenti, usufruendo di reti già esistenti per promuovere dei messaggi o dei brand, analogamente a come un virus si diffonde tramite contagio.

Una delle forme più moderne di viral marketing è quella che oggi sfrutta efficacemente la rete Internet facendo circolare dei filmati virali: si tratta di filmati in grado di fare leva sull'utente affinché egli stesso raccomandi la visione di tali filmati a parenti, amici e colleghi di lavoro. Questi a loro volta faranno lo stesso con altre persone, innescando così la diffusione del messaggio e mantenendo un basso costo.

Numerose aziende hanno intuito questa relativamente nuova forma di promozione e hanno iniziato a sfruttarla, con alterne fortune. Affinché un filmato venga condiviso tra gli utenti deve infatti non solo "piacere", ma andare a toccare qualche meccanismo inconscio che induca alla condivisione.

In quest'ambito si muove GoViral Network, agenzia europea con sedi a Londra, Copenhagen, Monaco di Baviera e Parigi, e che da qualche tempo sta ampliando il proprio business anche in Italia.

GoViral ha realizzato una piattaforma Internet che consente a blogger e webmaster di iscrivere il proprio sito, scegliere uno o più filmati virali e pubblicarli, magari scrivendo un post per renderli più accattivanti. Per ogni utente che visualizzerà tali filmati, GoViral corrisponderà al gestore del sito una piccola somma - che si aggira normalmente tra i 2 e i 6 centesimi di euro - che verrà corrisposta mensilmente, a patto di raggiungere un "minimo" di 50 euro.

In questo modo sono i blogger che alimentano la prima circolazione del filmato virale, favorendone la successiva diffusione, e guadagnando in modo proporzionale ai click ricevuti. GoViral si rivolge a siti di qualsiasi dimensione, anche se bisogna considerare che un sito piccolo impiegherà più tempo per raggiungere il "minimo". GoViral è comunque puntualissima nei pagamenti, almeno secondo la nostra breve ma significativa esperienza. E' anche possibile postare i filmati su Facebook, aumentando quindi le opportunità di guadagno.

Se queste parole vi hanno incuriosito, visualizzate il filmato qui sotto che spiega in dettaglio come procedere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Vediamo se ho capito il senso dell’idea: i blogger troveranno una nuova fonte di sostentamento, dal canto loro, gli inserzionisti, invece di pubblicare il loro video su youtube (o altri canali), aspettando che il pubblico li scopra e li faccia girare nelle loro reti sociali, li pubblicano (mediante goViral network) sui blog. Siccome è... Leggi tutto
5-10-2010 09:15

ma per caso sarebbe quel video che vediamo da 1 mesetto circa, a fine articolo? O è tutta un altra cosa?
4-10-2010 19:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2719 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics