Wi-Fi, tutti contro il decreto Pisanu

Avanza una proposta bipartisan per abolire i pesanti obblighi burocratici imposti a chi offre connettività wireless pubblica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2010]

Wi-Fi proposta abolizione decreto Pisanu Gentiloni

C'è un motivo se in Italia il numero degli hot spot Wi-Fi è inferiore del 70% rispetto alla media europea: il cosiddetto decreto Pisanu.

Varato nel 2005, contiene norme volte a contrastare il terrorismo e all'articolo 7 impone varie limitazioni per l'accesso a Internet: chi desidera offrire connettività Wi-Fi deve richiederne licenza al questore, identificare gli utenti tramite documenti e conservare in un apposito registro tutti i dati di navigazione.

Il decreto, poi convertito in legge, era inteso come provvisorio ma finora è sempre stato prorogato, di anno in anno.

Ora che si avvicina il momento di decidere se mantenerlo in vita per altri 12 mesi, una proposta avanzata da Paolo Gentiloni (PD), Linda Lanzillotta (capo del Dipartimento della Pubblica Amministrazione) e Luca Barbareschi (FLI) ma che coinvolge politici di ogni schieramento ne chiede l'annullamento.

Il motivo è che, a parte impedire lo sviluppo del rete Wi-Fi, la norma è sostanzialmente inefficace nello svolgere il proprio compito di prevenzione del terrorismo, almeno secondo quanto dichiarato dall'onorevole Lanzillotta: "Abbiamo effettuato studi dai quali emerge che l'utilità effettiva di quanto previsto dall'articolo 7 è marginale".

"Non è certo affidandosi alla consegna del documento d'identità al fornitore del Wi-Fi che si garantisce maggiore sicurezza" le fa eco Gentiloni.

Occorre anche dire che lo stesso Pisanu è convinto che il decreto vada modificato in senso meno restrittivo, e che i benefici derivanti dall'accesso a Internet vadano estesi.

Dopotutto in moltissimi altri Paesi, come gli Stati Uniti (dove quanto a misure create per contrastare il terrorismo non scherzano), non ci sono complicazioni burocratiche paragonabili alle nostre per chi vuole offrire accesso Wi-Fi pubblico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tecnocontrollo e diritti civili

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 25)

Vero che la maggior parte effettua crimini sapendo che viene scoperto, ma sa anche che quei crimini sono impunibili dato che non sono veri crimini, ovvero con un buon avvocato .... Si risolve. Quando non c'erano controlli in Italia e negli Stati dove non c'è nessun controllo non avvengono/avvenivano più crimini. Anche perchè il vero... Leggi tutto
8-10-2010 19:07

Percentuali ingannevoli Leggi tutto
8-10-2010 13:18

:) basta anche molto meno. avevo fatto un wireless (protetto) per il piano si sopra e manco per un portatile, per un fisso. be', è capitato più di una volta di prendere invece la connessione di qualche sconosciuto nelle vicinanze. (me ne sono accorta perché in quei casi tutto era più lento, tipo un ingorgo nell'ora di punta. ma era... Leggi tutto
8-10-2010 10:41

Infatti, però ti posso garantire che la maggior parte delle persone non ne è a conoscenza, e commette i crimini dalle proprie abitazioni o da computer di conoscenti... Oggi navigare in maniera anonima non è impossibile, ma sicuramente più difficile della situazione che invece si prospetta. Certo il terrorista non ti va a fare la... Leggi tutto
7-10-2010 23:14

Il bello che qualsiasi terrorista con dei mezzi "hacker" può avere in Italia più connessioni internet anonime!!! NDR: Spiacente ma non posso dirvi come. Fidateci sulla parola. Dunque la limitazione non è per il terrorista o il delinquente ma per il popolino! Ciao Leggi tutto
7-10-2010 20:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2546 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 ottobre


web metrics