Ennesima truffa ai bancomat, pochi spiccioli per volta

Un prelievo corposo attira l'attenzione. Svuotare i conti con una miriade di piccoli furti, no.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2010]

Bancomat ATM Flash Attack

L'ultima truffa ai danni dei bancomat scoperta negli Stati Uniti non è balzata all'attenzione delle autorità perché sfrutta tecnologie particolarmente avanzate ma piuttosto perché usa uno stratagemma semplice ed efficace per evitare di farsi notare.

Una truffa tradizionale comporta la sottrazione o, meglio ancora, la copia di una carta bancomat con la quale effettuare grossi prelievi, prosciugando il conto, per poi sparire il più rapidamente possibile.

Le grandi quantità di denaro attirano tuttavia l'attenzione delle autorità, così i truffatori hanno pensato di aggirare il problema: invece di pochi grandi prelievi, una miriade di prelievi piccoli.

Facendo molte copie (almeno un centinaio) di una tessera e affidandole ai cosiddetti money mules sparsi in tutto i Paese si riescono a rubare migliaia di dollari in pochissimo tempo - spiega Avivah Litan di Gartner - senza che scatti l'allarme, se non quando è troppo tardi e il legittimo proprietario del conto si accorge di non avere più un soldo.

Fermare questa pratica - che Litan ha chiamato Flash Attack per la rapidità con cui può portare a sottrarre somme ingenti - è difficile perché i sistemi tradizionale di individuazione non funzionano.

Tutto ciò che si può fare è usare le truffe scoperte per capire quali siano i bancomat compromessi dai truffatori per copiare le tessere (ovvero quelli dove sono installati gli skimmer che sottraggono i dati dalle bande magnetiche) e bloccare tutte le card utilizzate in quei luoghi, ma si tratta di un sistema dispendioso e non particolarmente efficiente.

Una truffa di questo tipo può fruttare, sempre secondo le stime di Gartner, fino a 500.000 dollari in un mese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Rubare soldi al bancomat con l'iPod Nano
Hackerano il Bancomat con chiavetta USB

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

Io non lo so, non sono un elettrotecnico. Ma l'articolo parla di chip disattivato, messo fuori uso (disable). L'articolo, ovviamente, non dice con quale metodo farlo (e meno male :shock: ), ma fa intendere che non sia poi così difficile per chi è del mestiere. Certamente (o almeno spero) avranno qualche "difesa" alla... Leggi tutto
3-11-2010 16:46

E che mi dici se uno a Firenze fa un prelievo in uno sportello bancomat di una banca, poi sempre in Firenze per fare un esempio ripete la manovra in vari punti della citta anche da banche diverse? ormai specie con la metropolitana ti sposti in tutti i punti della città in meno di mezz'ora al massimo. Basterebbe fissarsi un percorso con... Leggi tutto
2-11-2010 21:33

Vuoi dire che per manomettere un chip su una carta o sim, in cui sono visibili i contatti basterebbe cortocircuitali con una microsaldaturina a stagno speciale a base di argento?? Leggi tutto
2-11-2010 21:25

Ciao, facendo un paragone con un servizio di telefonia, so che quando si accede sul sito, anche se siamo stati noi stessi, si riceve sul cellulare all'istante, un avviso che c'è stato un accesso da parte di qualcuno.- Ora se applicato alla Banca, potrebbe avvisare subito il tuitolare del conto del prelievo effettuato, od almeno di... Leggi tutto
2-11-2010 21:18

Leggi tutto
2-11-2010 21:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1247 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics