AMD prepara i processori a 20 core

Gli Opteron Bulldozer saranno costruiti a 32 nanometri e miglioreranno drasticamente le prestazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-11-2010]

AMD Opteron Bulldozer 20 core 32 nanometri

AMD ha presentato la roadmap che ha intenzione di seguire nei prossimi anni nella creazione dei processori Opteron per i server, costruiti secondo la tecnologia nota come Bulldozer.

Se per quest'anno AMD continuerà a fornire chip a 45 nanometri (gli Opteron delle serie 6100 e 4100), l'anno prossimo assisteremo al passaggio alla tecnologia a 32 nanometri.

In ogni caso continuerà la divisione dei processori server su due fasce: l'una dedicata alle aziende fanno dell'attenzione ai consumi e ai costi una priorità, l'altra dedicata a chi ha bisogno di prestazioni elevate.

Nella prima categoria, il 2011 vedrà apparire le CPU Bulldozer Valencia (probabilmente ribattezzate Opteron 6200) a 6 oppure 8 core, mentre nella fascia alta ci saranno i processori Interlagos (Opteron 4200) a 8, 12 o 16 core.

Questi processori promettono di fornire il 50% di prestazioni in più con il 33% dei core in più: ciò significa che le prestazioni per singolo core sono in aumento.


Clicca per ingrandire

Nel 2012 AMD aumenterà ulteriormente il numero di core: con gli Opteron Bulldozer Terramar si arriverà a 20 core, mentre le Sepang, dedicate alla fascia di mercato più bassa, arriveranno ad almeno 10 core.

Occorre precisare che l'architettura Bulldozer intende il concetto di "core" in maniera leggermente diversa da quello cui Intel ci ha abituati: le CPU costruite in questo modo si basano infatti su un sistema modulare che permette di condividere alcune parti tra più "core", rendendo difficile un diretto confronto con la controparte di Intel.

Ciò che conterà per le aziende sarà tuttavia il mantenimento delle promesse, sia in merito alle prestazioni che in merito alla riduzione dei consumi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

La corsa ai GHz Ŕ praticamente finita, rimpiazzata dalla corsa ai core. E quando finirÓ pure questa a cosa si correrÓ?
11-11-2010 19:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1270 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics