Google minaccia di lasciare l'Irlanda

Se le tasse saliranno, Google e le altre aziende americane potrebbero abbandonare il Paese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2010]

Google aziende americane aumento tasse Irlanda

Per risolvere i seri problemi economici e finanziari che attanagliano il Paese, il governo irlandese sta valutando la possibilità di alzare le tasse imposte alle aziende.

L'Irlanda è il Paese europeo dove hanno la propria sede nel Vecchio Continente molte importanti aziende americane - da Microsoft a Hewlett-Oackard, da Intel a Google - che l'hanno scelta proprio per via delle tasse ridotte.

La prospettiva di una crescita delle richieste da parte del governo non è certamente gradita a queste imprese che, se non sono ancora arrivate a minacciare di andarsene, hanno già fatto sapere di essere molto preoccupate.

Le aziende americane in Irlanda danno lavoro a circa 100.000 persone e portano investimenti per circa 110 miliardi di euro: l'Irlanda non può permettersi semplicemente di lasciarle andare.

Tutte le aziende, d'altra parte, con Google in testa hanno dichiarato che, sebbene le tasse irlandesi siano basse per gli standard europei (attualmente sono al 12,5%), non lo sono poi così tanto se paragonate agli standard di India, Cina e Singapore.

"Il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Centrale Europea e la Commissioni Europea" - ha scritto Lionel Alexander, presidente della Camera di Commercio americana in Irlanda e dirigente di HP - "devono capire che ogni crescita delle tasse sulle aziende alla fine ci renderà economicamente più dipendenti, e non meno, dai nostri partner dell'Unione Europea".

Gli ha fatto eco John Herlihy, di Google, il quale ha affermato che "tutto ciò che influisce sulla competitività dell'Irlanda rappresenta una grossa questione per Google".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple, elusione fiscale per 74 miliardi di dollari

Commenti all'articolo (4)

In realtÓ l'Irlanda non Ŕ in bancarotta, non almeno ancora essendo la "situazione paese" ben diversa ad esempio dalla Grecia....occorre non confondere conti pubblici e banche a ramengo Che poi sempre pi¨ l'economia pubblica e lo stato siano in mano alle banche (o facilmente ricattabili dalle banche) Ŕ una altra questione
25-11-2010 15:27

quando la nave affonda i topi scappano Leggi tutto
23-11-2010 10:02

l'irlanda Ŕ in bancarotta, ha chiesto formalmente aiuto. Leggi tutto
23-11-2010 00:18

Una maggiore austerity e aumento delle tasse sono richieste dall'Europa e osteggiate dall'Irlanda che teme appunto fuga di societÓ estere, soldi e indotto tra cui posti di lavoro
22-11-2010 15:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lý a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo per˛ approv˛ il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiut˛ il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1844 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics