Facebook piace a tutti, meno che ai giapponesi

Gli utenti del Giappone sono solo 2 milioni. La maggioranza preferisce non divulgare la propria reale identità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2011]

Facebook non piace in Giappone 2 milioni utenti

Facebook ha quasi 600 milioni di utenti in tutto il mondo e sembra avere iniziato una marcia di conquista ormai inarrestabile.

A guardare bene i dati, tuttavia, si scopre che la febbre del "sito in blu" non ha contagiato quasi per nulla il Giappone, dove Facebook ha appena 2 milioni di utenti (circa il 2% della popolazione totale).

Non si tratta di una disaffezione completa dei giapponesi verso i social network, ma proprio di una scarsa propensione verso Facebook: complessivamente, infatti, gli utenti di reti sociali sono circa 20 milioni.

Costoro sono però sparsi su altri siti come Mixi, Gree e Mobage Town, il cui funzionamento è nella sostanza simile a quello di Facebook ma con una differenza importante, almeno per il Giappone: non si usano i nomi veri, ma dei nickname.

L'impossibilità di nascondersi dietro un nick sarebbe proprio il motivo per cui la creatura di Zuckerberg non riesce a sfondare nel Paese del Sol Levante, dove i navigatori preferiscono mascherarsi dietro il relativo anonimato di un nome di fantasia prima di mettere comunque in piazza il proprio status. L'articolo continua sotto

Su siti come Mixi i giapponesi parlano di sé stessi, di quello che fanno e delle loro vite, ma stanno bene attenti a non pubblicare dettagli troppo rivelatori, che possano portare gli eventuali visitatori ad associare un'identità reale a quella virtuale: se caricano delle foto, difficilmente ritrarranno loro stessi.

Per tutti questi motivi Facebook non sembra avere speranze, eppure il social network per antonomasia - almeno da noi - non si dà per vinto: presto partirà in Giappone una campagna pubblicitaria, sul cui successo non è però automatico scommettere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

In Cina si ma in Giappone no! Semmai in Giappone esistono leggi sulla privacy che la vedo dura per facebook! :lol: Ciao Leggi tutto
12-1-2011 20:11

Non mi risulta che ci sia una censura in Giappone, se non quella degli organi genitali nei filmini aumma aumma. Leggi tutto
12-1-2011 08:44

Nessun problema, anche i giapponesi sono in grado di inventarsi un nome fittizzio, il problema non e' la privacy ma la mostruosa popolarita' di Mixi, che e' nato in Giappone prima di Facebook e ha ormai 30 milioni di utenti (dice wikipedia) tra cui guardacaso anche utenti doppi, a riprova che l'uso di nickname non e' affatto... Leggi tutto
12-1-2011 02:22

e fanno bene, se vado solo a pensare che ormai ci sono le ragazzine che vanno a mettere le foto di loro al mare, indirizzi, ... ma robe da matti, ormai la privacy non esiste più ! E comunque in cina e in giappone censurano da matti i siti, prima o poi anche facebook verrà censurato lì.
11-1-2011 17:42

{nickmane}
io sono iscritto da tempo su facebook, con un nickname e usando una casella di posta elettronica creata ad hoc e mai più utilizzata, che problema c'è? Leggi tutto
11-1-2011 15:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2616 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics