Eolico, crollo delle installazioni nel 2010

Il calo è del 25%. A rischio il conseguimento degli obiettivi comunitari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2011]

2010 calo installazioni eolico 25%

Il 2010 è stato un anno da dimenticare per l'energia eolica nel nostro Paese: per la prima volta si è infatti registrato un calo nelle installazioni.

Il crollo è pari al 25%, secondo i dati comunicati dall'ANEV (Associazione Nazionale Energia del Vento), che ha comunicato la notizia definendo il dato "molto preoccupante perché riflette un diffuso malessere tra gli operatori, mette a rischio il raggiungimento degli obiettivi comunitari al 2020 e, allo stesso tempo, l'occupazione dei 67.000 addetti nel settore ipotizzati".

Questi nuovi dati sarebbero una conseguenza diretta della normativa che ha ridotto del 40% il valore dei Certificati Verdi: gli investitori e l'intero sistema finanziario hanno abbandonato un settore che fino a giugno sembrava invece molto promettente.

Non tutto è perduto, se si vogliono raggiungere gli obiettivi comunitari: ANEV è ancora ottimista, ma a patto che la normativa venga subito rivista.

Al 31 dicembre l'Italia disponeva di una potenza cumulativa di 5.979 MWatt.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

ecco, vedete che le cose non stanno in maniera semplice? alcune specie sono più minacciate di altre, in alcuni periodo dell'anno le cose vanno peggio etc etc... poi, voglio die, se il problema è stato discusso al XV Convegno Italiano di Ornitologia tenutosi a Sabaudia (LT) il 14-18 ottobre 2009 ci sarà pure un motivo, eh? alla faccia... Leggi tutto
24-1-2011 12:50

premetto che per l'energia eolica mi sono speso parecchio perchè la considero fra le rinnovabili quella attualmente più realistica. non ho visto quei filmati ma su internet ci si trova tutto ed il contrario di tutto e sarebbe meglio far finta che non esista in molti casi (ve lo dico visto che sono fra quelli che cercano di sbugiardarele... Leggi tutto
22-1-2011 15:22

Quando poi, come dalle mie parti, ci si aggiunge anche il WWF a contrastare un parco eolico, penso che abbiamo raggiunto l'apice, cosa preferiscono una bella centrale a carbone od olio pesante o uno splendido reattore? :twisted: :twisted: :twisted: Comunque è normale, in un paese che aveva cacciato il nucleare dalla porta oltre 20... Leggi tutto
22-1-2011 11:16

Fanno ben 5,9 Gigawatt, quasi 6! Ciao Leggi tutto
20-1-2011 20:36

Quoto i primi 2 ed aggiungo: 1. Il kitegen non ha ancora ricevuto i finanziamenti promessi, ha invece subito una bella crociata perché l'acquilone che vola potrevve cadere e fare chissa' quali danni. 2. L'impatto delle pale con i volatili è rarissimo in internet girava un fotomontaggio che voleva far credere il contrario. 3. Il nucleare... Leggi tutto
20-1-2011 13:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1174 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics