USA, la giuria si sceglie su Facebook

I social network sono fonti preziose d'informazione per avvocati e procuratori: permettono di scandagliare le vite private dei giurati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2011]

USA giuria Facebook

Nei Paesi dove nei processi si utilizzano giurie popolari, come gli Stati Uniti, Facebook sta diventando uno strumento sempre più utilizzato sia dagli avvocati della difesa che dai procuratori.

Basandosi su quanto postato dai giurati nel proprio profilo, infatti, entrambi vengono a conoscenza di dettagli sulle loro convinzioni personali che possono essere molto utili nel formulare una strategia vincente per convincere la giuria.

Secondo il Wall Street Journal questa sta diventando una pratica ormai piuttosto diffusa; i social network verrebbero anche utilizzati per stabilire se un potenziale giurato sia o meno adatto al compito in base ai contenuti da lui pubblicati in Rete.

Rispetto alle interviste personali, si tratte certamente di un risparmio di tempo; d'altra parte alcuni avvocati - riporta sempre il WSJ - temono che utilizzando Facebook la valutazione dei candidati sia troppo superficiale, mentre un colloquio diretto permetta di ottenere informazioni più certe. L'articolo continua sotto

C'è anche chi non si fa problemi nell'utilizzare le possibilità offerte dalla Rete. Un procuratore distrettuale del Texas ha fornito tutti i propri collaboratori di iPad affinché possano setacciare il web durante la scelta dei giurati.

Lo stesso procuratore starebbe anche studiando una proposta che gli permetterebbe di scavare più a fondo nelle vite dei componenti della giuria: garantire loro pieno accesso alla rete Wi-Fi del tribunale durante il processo, a patto che concedano l'amicizia ai dipendenti del suo ufficio, fornendo così accesso a quelle informazioni riservate soltanto agli amici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

La notizia è riportata correttamente, se c'è un errore è forse nel comportamento del procuratore distrettuale, ma di questo lascio a voi discuterne...
1-3-2011 13:37

Più che vero! Pareva strano anche a me. Se tendono ad isolare la giuria per evitare influenze esterne, come potrebbero fornire accesso ad internet ai giurati senza inficiare il processo? (messaggio editato) Leggi tutto
1-3-2011 13:25

Abbiamo letto troppi libri e visto troppi film americani per non sapere che la prima parte dell'articolo è assolutamente plausibile. Ma la parte quotata mi pare contrasti con la norma che una volta costituita la giuria non si può più influenzare il giurato se non con ciò che viene detto in aula nel corso del processo, ricordiamoci i... Leggi tutto
1-3-2011 11:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2120 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics