Windows Phone geolocalizza gli utenti e invia dati a Microsoft

Anche Microsoft accusata di tracciare gli spostamenti degli utenti, con una novità: i dati vengono inviati a Redmond.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-04-2011]

Microsoft Windows Phone 7 tracciamento utenti

Tra i produttori di sistemi operativi per smartphone accusati di tracciare gli spostamenti degli utenti Microsoft ancora mancava all'appello.

Un'occhiata alla sezione Howto del sito dedicato a Windows Phone ha permesso però di includere l'azienda di Redmond tra coloro che collezionano dati sui movimenti degli utenti, con l'obiettivo da tutti dichiarato di migliorare i servizi di localizzazione.

"Per fornire i servizi di localizzazione, Microsoft crea e mantiene un database che conserva le posizioni di certe torri di telefonia mobile e punti d'accesso Wi-Fi".

Microsoft spiega di aver adottato questa soluzione, in luogo del solo GPS, per due motivi: innanzitutto perché il GPS non è disponibile su tutti i telefoni né è sempre accessibile; in secondo luogo perché in questo modo si incide meno sul consumo della batteria.

Così gli smartphone con Windows Phone 7 trasmettono a Microsoft l'indirizzo MAC degli access point Wi-Fi rilevati, un device ID unico generato dinamicamente per il telefono (e destinato a scadere dopo un periodo di tempo non rivelato) e, se il GPS è attivo, le coordinate e la velocità di spostamento.

Usando questi dati, inviati quando "un'applicazione o un utente invia una richiesta per informazioni sulla localizzazione", Microsoft può effettuare un confronto con i MAC conosciuti e rispondere in breve tempo alle richieste dell'utente, fornendo informazioni come la presenza di determinati esercizi o servizi in zona.

La situazione complessiva sembra dunque un po' diversa da quella di iPhone e Android, tanto più che è completamente spiegata nel sito ufficiale e che il sistema può essere disattivato a volontà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

riassunto per chi si è perso le puntate precedenti: -iOS (Apple) salva le coordinate degli utenti in una file locale senza cancellarlo, e manda informazioni anonime riguardanti hotstop wifi ai server Apple, disabilitando la localizzazione il processo continua. -Android (Google) salva le coordinate in una cache e le invia periodicamente... Leggi tutto
27-4-2011 12:26

Cosa vi dicevo? Ciao
27-4-2011 01:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1348 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics