L'hacker al volante

Arrestato il pirata informatico reo di aver distribuito software illecito per la consultazione dei database del Pubblico Registro Automobilistico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-06-2011]

Gli investigatori del CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche) hanno arrestato il pirata informatico di Olbia che commercializzava in rete il software UrbanPra; tale software consentiva di effettuare un numero illimitato di visure su intestatari e targhe di autovetture mediante accessi illeciti alla banca dati del Pubblico Registro Automobilistico.

Il cyber criminale, accusato di furto d'identità digitale e commercializzazione su ampia scala di informazioni sottratte da banche dati di interesse pubblico, si è avvalso di una massiccia campagna spammatoria per pubblicizzare il proprio software.

La truffa era davvero ben architettata: l'inganno faceva leva sulla possibilità di equivoco che il termine pubblico può ingenerare. Ecco un esempio di email inviata per adescare possibili clienti:

Vuoi sapere in tempo reale a chi è intestata una macchina conoscendo il numero di targa? Con Urban-Pra puoi inserire il numero di targa di un autoveicolo e scoprire immediatamente a chi è intestata, nome, cognome, indirizzo, storico proprietari, telaio, dati anagrafici, etc. Una visura al pra ti costerebbe 19,20 euro: con il nostro programma Urban-Pra puoi chiedere tutte le visure che vuoi pagando solo 49 euro.

Un utente poco accorto, pensando che i dati del Pubblico Registro Automobilistico fossero in sostanza pubblici, era indotto in buona fede ad attivare la licenza del programma per risparmiare un po' su eventuali visure da effttuare successivamente.

La truffa è stata scoperta grazie a una segnalazione dei vertici della dirigenza Aci, che ha in carico la gestione dei sistemi informatici con i database del Pra.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pubblicati 500mila codici fiscali e targhe auto lombarde

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

In effetti è un doppione inutile che nasce dal fatto che la motorizzazione civile si occupa dei veicoli e il PRA dei proprietari e per questo fu affidato all'ACI. Però qualche progresso è stato fatto, se cambi residenza la registrazione alla motorizzazione civile e al PRA viene fatta direttamente dall'anagrafe del comune e la pecetta... Leggi tutto
6-6-2011 11:08

Correzione: l'ACI non è un ente pubblico ma bensì un'associazione privata impropriamente caricata di compiti pubblici, che è un po' tanto diverso. :old: Leggi tutto
6-6-2011 11:03

Per me il pra è un doppione inutile, non bastava la motorizzazione? Una volta per fare un passaggio di proprietà ho dovuto andare di persona dagli uffici del pra a quelli della motorizzazione e ritorno, il tutto per un problema informatico che aveva messo fuori uso i collegamenti tra i due enti, mi sono sentito un po' Asterix contro la... Leggi tutto
5-6-2011 22:47

L'ACI è uno dei tanti carrozzoni si Stato, inventati per beneficiare questa o quella componente dei partiti della c.d. 1^ Repubblica. Infatti ci fu un ministro dai trasporti che, avendo tentato di abolirlo, non venne neppure più presentato nelle liste elettorali (della DC, mi pare). In compenso, per evitare futuri tentativi in tal... Leggi tutto
5-6-2011 17:55

sfruttando le credenziali... Leggi tutto
5-6-2011 15:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone più remote.
Il Governo riuscirà a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di più per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto troverà il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3304 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics