e-book, Microsoft abbandona il formato Lit

La concorrenza di Kindle e soci uccide il Microsoft Reader e il formato lanciato nel 2000 per i libri elettronici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-08-2011]

Microsoft Reader e-book formato lit

Nel 2000, Microsoft lanciò un'applicazione per leggere gli e-book nel formato proprietario Lit sui PC con Windows e sui dispositivi con Windows Mobile.

Microsoft Reader - così si chiamava - era parecchio in anticipo sui tempi: debuttò prima che Amazon rendesse i libri elettronici popolari grazie al Kindle, e ben prima dell'era dei tablet.

Oggi la situazione è decisamente cambiata e per Microsoft Reader, surclassato dalla concorrenza, pare proprio che non ci sia più spazio.

A partire dal 30 agosto 2012 Microsoft cessarà il supporto all'applicazione, ma già dall'8 novembre di quest'anno non sarà più possibile acquistare nuovi contenuti nel formato .lit.

Naturalmente - rassicura l'azienda - tutti gli acquisti effettuati in questi anni e fino a novembre rimarranno pienamente accessibili: i file resteranno infatti sui dispositivi dei loro proprietari.

Microsoft non ha alcun piano per un'applicazione che sostituisca il Reader, né per un software che permetta agli utenti di migrare verso un'altra piattaforma.

Sebbene in Rete si trovino con facilità software che permettano di convertire i file .lit in altri formati, la dismissione di Microsoft Reader spinge a chiedersi se sia saggio acquistare contenuti in formato proprietario, le applicazioni per leggere il quale possono sparire da un giorno all'altro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Beccato ! :cappello: ciao Leggi tutto
22-8-2011 15:13

alle volte sono più idealista di te..... :D :D
22-8-2011 12:34

Da quando una società segue degli obblighi morali? :roll: Secondo me mettono tutto nel cassetto che un giorno potranno mangiare su qualcuno per "violazione del copyright". :cry: Ciao Leggi tutto
22-8-2011 12:10

allora, io non avrei preclusioni di sorta per un Sw proprietario. Io uso ubuntu al posto di windows non perchè è SW libero, ma perchè secondo me "funziona" meglio, nonostante gli handicap che comporta. diciamo che questa notizia mi fa "godere" non da un punto di vista filosofico ma perchè non sopporto le cose... Leggi tutto
22-8-2011 12:05

credo che non sia saggio acquistare nulla che non sia open. Questa vicenda, a me pare, insegni che quando acquisti un formato closed source sei "on your own", abbandonato a te stesso. Microsoft purtroppo perde una buona occasione per fare una bella figura. Non che ne faccia molte, ma almeno poteva provarci.
17-8-2011 16:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1752 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics