Greenpeace: lacunosi i test sulle centrali nucleari europee

Per l'associazione i test di resistenza ai disastri sarebbero pieni di gravi lacune.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2011]

Greenpeace lacune centrali europee

Dopo l'incidente di Fukushima, la Commissione Europea ha chiesto alle 134 centrali nucleari dei vari Paesi dell'Unione di compilare dei rapporti di valutazione della sicurezza.

Il termine per la consegna scade tra poco ma, basandosi sui dati preliminari, Greenpeace ritiene di dover già lanciare un allarme: sarebbero infatti ravvisabili delle «lacune allarmanti».

Per l'associazione ambientalista l'analisi dei rischi è incompleta e quella dei dati è approssimativa in maniera preoccupante. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (6466 voti)
Leggi i commenti (29)
«Ad esempio» - sostiene Greenpeace - «non sono state analizzate, come era invece previsto, situazioni quali l'occorrenza di danni contemporanei in più reattori, come è accaduto a Fukushima, o l'impatto di un aereo contro una centrale nucleare».

Vi sarebbero poi dei problemi di natura, per così dire, politica: laddove gli enti di controllo sono indipendenti - come in Francia - i test sono stati rigorosi, mentre altri Paesi, come Svezia, Regno Unito e Repubblica Ceca avrebbero omesso di fornire diverse informazioni.

All'allarme lanciato da Greenpeace risponde la Commissione Europea, spiegando che i dati su cui si basa l'associazione sono quelli preliminari forniti ad agosto; nei mesi successivi ulteriori test sono stati condotti e i risultati saranno resi noti prossimamente, mentre per il rapporto finale occorrerà attendere giugno 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La moda italiana dice addio alle sostanze tossiche
A Fukushima una barriera di ghiaccio come in Game of Thrones

Commenti all'articolo (5)

Secondo le leggende di Hollywood il collaboratore decide di confessare quando (questa la parte eliminata) suona la sirena dell'allarme e si vede (costava troppo?) la "turbina" rompersi. The End :shock: Invece nel film il collaboratore confessa solo per presa di coscienza. Un finale "debole". Ciao Leggi tutto
31-10-2011 17:06

Non lo sapevo, come avrebbe dovuto finire? Leggi tutto
30-10-2011 14:56

La cosa purtroppo non mi sorprende ne mi rassicura :(
30-10-2011 00:31

Lo sai che il finale Ŕ stato cambiato nel corso delle riprese? :twisted: I distributori senza un diverso finale non l'avrebbero accettato. Ciao Leggi tutto
29-10-2011 20:15

Qualcuno ricorda il film "Sindrome Cinese"? E chi non lo avesse mai visto, perche` troppo giovine, mi dia retta: vale la pena di cercarlo e vederlo in religioso silenzio.
28-10-2011 17:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1853 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics