Twitter, i dipendenti non sono padroni dei loro profili

Un sito fa causa a un ex collaboratore che ha cambiato il nome del proprio profilo su Twitter dopo essersi licenziato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2011]

twitter phonedog kravitz

Negli Stati Uniti è in corso una causa che può avere ricadute interessanti sul mondo dei social network, visto non solo dalla parte degli utenti ma anche da quella della aziende che li hanno considerati un ottimo sistema per scovare nuovi clienti.

Protagonista della vicenda è il blogger Noah Kravitz, che dal 2006 all'anno scorso ha lavorato per il sito PhoneDog pubblicando analisi sui cellulari.

Guadagnato un discreto seguito, ha anche aperto un account Twitter per conto di PhoneDog stesso (@PhoneDog_Noah) che nel tempo ha raccolto circa 17.000 followers.

Poi - più o meno un anno fa - Kravitz si è licenziato ma il rapporto con PhoneDog si è concluso bene, tanto che il sito gli ha chiesto di continuare ad aggiornare, di tanto in tanto, l'account Twitter con nuovo materiale; Kravitz ha accettato. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (1010 voti)
Leggi i commenti (3)
Per evidenziare però come ciò che scriveva non fosse più una responsabilità di PhoneDog, il blogger ha cambiato il nome dell'account, che è diventato semplicemente @noahkravitz e ormai ha raggiunto e superato i 22.000 followers.

Ed è qui che sono nati i problemi: PhoneDog si è accorto - apparentemente ora - che i vari followers seguono Noah Kravitz in quanto tale, e non perché è un ex dipendente di PhoneDog, anche perché il cambio di nome dell'account non rende più evidente il legame (ammesso che esista ancora). Insomma, il sito è convinto di non ricavarci niente e, anzi, di essere stato danneggiato dal comportamento del blogger.

L'account Twitter - sostiene il sito nella denuncia presentata presso una corte californiana - appartiene a PhoneDog, e così pur i followers, paragonati a una vera e propria "lista clienti" di cui Kravitz si sarebbe impossessato senza averne alcun diritto.

Tutto ciò si traduce in un'accusa di appropriazione indebita di segreti industriali e ostruzione agli introiti economici, peraltro quantificati al centesimo: l'azione di Kravitz avrebbe comportato un mancato incasso pari a 2,5 dollari mensili per ogni follower. Moltiplicato per otto mesi, fa 340.000 dollari (circa 260.000 euro).

La causa è ora in corso e la sua conclusione avrà ripercussioni interessanti per la giurisprudenza americana riguardo alla proprietà dei profili aziendali: se verrà data ragione a PhoneDog, apparterranno alle aziende e non ai singoli dipendenti che li gestiscono.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Concordo con Zorro, se il signor Kravitz non ha firmato un impegno di non concorrenza, PhoneDog, a mio giudizio, non ha alcun diritto di appropriarsi delle relazioni che Kravitz ha sviluppato nel periodo in cui lavorava per loro. Mi viene invece un dubbio diverso, se Kravitz avesse mantenuto il vecchio account e, a nome di PhoneDog,... Leggi tutto
29-12-2011 18:10

A mio modesto avviso la pretesa di PhoneDog è infondata. Una persona giuridica può essere titolare di diritti sulle persone fisiche, ma quali? Dei diritti che nascono in forza di un contratto non di una relazione umana. Noah Kravitz (parente di Lenny?) non si è portato dietro nessun contratto ma solo delle relazioni umane. In passato... Leggi tutto
29-12-2011 11:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2956 voti)
Aprile 2019
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tutti gli Arretrati


web metrics