Cellulari RIM, Nokia, Apple hanno backdoor?

RIM, Nokia, Apple accusati di aver reso intercettabili i loro cellulari pur di accedere al mercato indiano. E da noi?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-01-2012]

Pur di ottenere accesso all'immenso mercato indiano della telefonia mobile, Apple, Nokia e RIM (BlackBerry) avrebbero fornito ai militari delle backdoor che permettono di sorvegliare le comunicazioni cellulari.

Questo è il senso, perlomeno, di documenti sottratti da server militari indiani ad opera di un gruppo di intrusi informatici, che sembrano essere mail dell'USCC (U.S.-China Economic and Security Review Commission), una commissione statunitense sui rapporti economici e di sicurezza USA-Cina.

Scansioni dei documenti sono pubblicate qui su Imgur; la prima pagina, intestata al Directorate General of Military Intelligence indiano, dice che per avere accesso d'intercettazione alle comunicazioni dell'USCC "è stato deciso di firmare un accordo con i fabbricanti di cellulari in cambio della presenza sul mercato indiano" e che sono state "utilizzate backdoor fornite da RINOA", dove "RINOA" sta per "RIM, Nokia, Apple, etc.". L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Utilizzi la funzione di salvataggio delle password nel browser?
Sì, è molto utile
Sì, ma ora non lo farò più perché non è sicuro.
Sì, ma solo per password di poco conto.
No, per sicurezza non ho mai memorizzato alcuna password nel browser.
No, perché? Le password si possono salvare?

Mostra i risultati (5742 voti)
Leggi i commenti (17)
Le pagine successive sembrano essere comunicazioni dell'USCC intercettate. La notizia è stata segnalata da Mikko Hypponen su Twitter e ripresa, sempre con formula dubitativa, da ZDNet.

Lasciando da parte l'ironia dell'intercettatore intercettato, se questa storia viene confermata, non c'è solo il problema dell'intercettazione per gli indiani e per chi si reca in India (pensando di avere un dispositivo sicuro e non intercettabile), ma c'è quello ben più ampio della presenza di backdoor predisposte intenzionalmente dai costruttori per compiacere i governi.

Aprire volontariamente delle vulnerabilità nei propri dispositivi è un'idea stupida, perché non c'è modo di garantire che verranno usate solo dai "buoni". Chiunque siano e ammesso che ce ne siano realmente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Gli smartphone low-cost con backdoor incorporata

Commenti all'articolo (3)

{paolo_del_bene}
@Cesco67: rimando al mittente questa SUA affermazione, che non rispetta alcuna sintassi ITALIANA:"Che c'azzecca" quello che hai scritto con il topic???ed ha il coraggio di contestarmi ? non volete telefoni che possano esser spiati? costruiteli ?usano GNU/linux, oppure Replicant, oppure sono noti smartphones di vari produttori, su cui... Leggi tutto
14-1-2012 23:20

La possibilita' di intercettare le telefonate esiste in tutto il mondo e non tramite telefoni "predisposti" ma viene eseguita direttamente dalle centrali. @ {paolo_del_bene} Che c'azzecca quello che hai scritto con il topic???
12-1-2012 18:09

{paolo_del_bene}
ma va ? stai a vedere che non si sapeva,notizia che non fa affatto scalpore, anzi posso affermare che la divisione Nokia che realizza i cellulari, verrà venduta a microsoft e questa sarà la volta in cui microsoft si dovrà chiedere se vorrà continuare ad occuparsi di applicativi, perchè ritenere il SUO un sistema operativo è davvero... Leggi tutto
11-1-2012 02:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2073 voti)
Aprile 2020
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Tutti gli Arretrati


web metrics