Il Parlamento boccia la SOPA italiana

L'emendamento Fava è stato bloccato in aula, ma la questione non è ancora conclusa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-02-2012]

bocciato emendamento fava

Sei emendamenti soppressivi (presentati da PDL, IDV, FLI, API, PD e UDC) che hanno ottenuto 365 voti a favore (57 contrari, 14 astenuti) hanno cancellato il famigerato emendamento Fava, altrimenti noto come SOPA all'italiana.

Se fosse passato, chiunque avrebbe potuto chiedere e ottenere la rimozione dal web dei contenuti a lui sgraditi, senza la necessità dell'intervento di un giudice.

Agorà Digitale, che fin da subito s'era opposta all'emendamento, festeggia per bocca di Luca Nicotra: «Il voto contrario a larga maggioranza sull'emendamento presentato dall'onorevole Fava (Lega Nord) è l'ennesima sconfitta della strategia della repressione rispetto ai nuovi modelli di fruizione e creazione dei contenuti abilitati dalla Rete».

Nicotra non si ferma qui, e rilancia: «È arrivato il tempo di una stagione di riforme che promuovano una più aperta e innovativa diffusione di contenuti creativi e dei dati delle amministrazioni. Con un nuovo approccio l'internet aperta può essere un volano di sviluppo, anche tramite la nascita e la crescita di nuove ed innovative imprese».

Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3111 voti)
Leggi i commenti (6)

Se la maggior parte della Rete italiana è soddisfatta, esistono anche voci contrarie come quella di Confindustria Cultura Italia.

«L'articolo» - afferma il presidente Marco Polillo - «non voleva mettere nessun bavaglio al web ma solo adeguare il nostro ordinamento alla disciplina comunitaria. La Direttiva europea dice che un sito o un Service Provider non è responsabile per i contenuti che altri mettono in rete per il suo tramite, quando ciò avviene a sua insaputa. La legge italiana ha stabilito che questa insaputa vale fino a che un giudice non dice al titolare del sito o al Service Provider che il contenuto è illegale. L'emendamento di Fava proponeva semplicemente di tornare a una reale insaputa».

Secondo Polillo, a rimetterci sarà «il mondo dei contenuti» che, «lasciato solo in questo modo, così muore». «Confidiamo in una decisione più ponderata da parte dell'AGCOM» conclude il presidente di Confindustria Cultura Italia, lasciando intendere che la partita ancora non è conclusa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Non è proprio così, è che questi bei personaggi cercano sempre di stravolgere le direttive o la prassi per adattarle al prorpio uso, conusmo e, soaprattutto, interessi. Quando invece una direttiva tutela gli interessi comuni o sociali dei cittadini normali a discapito dei loro si guardano bene dal chiederne l'applicazione. Funziona... Leggi tutto
11-2-2012 11:30

Aspettiamo con ansia la morte di questi stramaledetti "contenuti"... Ficcateveli nel posteriore i vostri contenuti... non li vuole nessuno!
3-2-2012 10:06

Il vantaggio è per chi muove grossi capitali in ambito internazionale... se non fai parte della categoria, come il sottoscritto, dall'europa (minuscolo voluto) non ci sono altro che svantaggi. :twisted: Leggi tutto
2-2-2012 19:31

:idea: Me lo chiedevo anch'io, poi ha avuto la folgorazione. Ma è per il fatto che sono un po' tardo, avrei dovuto arrivarci subito considerando la faccia che si ritrova. :idea: Leggi tutto
2-2-2012 16:58

bocciata la sopa made in italy. Vorrei. Sapere perché. tutte le volte che devono bastonare gli italiani e sempre una direttiva europea. quando avremo un. vantaggio da questa Europa unita?
2-2-2012 15:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cos'è più rivoluzionario, tra questi... qualcosa-book?
Chromebook
Ebook
Facebook
Macbook
Netbook
Notebook
Playbook
Ultrabook

Mostra i risultati (2219 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics