Chiavetta USB con Stuxnet infettò centrale nucleare iraniana

Una banale memoria flash trasportata da un dissidente avrebbe diffuso il pericoloso worm.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2012]

stuxnet natanz

Che il worm Stuxnet fosse stato creato appositamente per creare danni al programma nucleare iraniano non è certo un mistero.

Quel che ci si chiedeva ancora è in che modo quel malware sia riuscito a penetrare nelle centrali nucleari.

Certamente è possibile che la sua diffusione sia stata affidata alla "buona sorte", la stessa che ha portato Stuxnet a diffondersi ben al di là del proprio obiettivo, giungendo a infettare i sistemi di centrali nucleari in India e negli Stati Uniti.

Tuttavia, questo scenario appare poco probabile. A rivelare come siano realmente andate le cose sono state alcune fonti interne ai servizi segreti degli Stati Uniti, almeno stando a quanto riporta il sito ISS Source.

Per arrivare all'installazione nucleare di Natanz, Stuxnet avrebbe viaggiato all'interno di una chiavetta USB infetta, trasportata da un dipendente iraniano che, in realtà, era membro di un gruppo dissidente.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilitÓ
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalitÓ politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5264 voti)
Leggi i commenti (25)

Questi non avrebbe dovuto far altro che inserire la chiavetta in un computer e aprirne il contenuto con Esplora Risorse: Stuxnet poi ha fatto il resto, sfruttando una falla di Windows.

Il guaio per i servizi segreti americani, naturalmente, è che poi il worm si è diffuso autonomamente, arrivando a danneggiare anche installazioni che non erano tra gli obiettivi (come, per l'appunto, qualche centrale statunitense).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Gru, escavatori e bulldozer hackerabili da remoto
L'NSA può penetrare anche nei PC non connessi a Internet

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Fosse la prima toppata!!! GiÓ con altre centrali le cose non sono andate lisce... Addirittura con la centrale atomica Fenice (Phoenix) si sono bruciati miliardi d'investimento in una centrale che non funzion˛ MAI! Ciao Leggi tutto
23-4-2012 15:04

quelle che avremmo dovuto comprare noi sono sicurissime: non funzionano... :D :D (domandare per referenze alla societÓ elettrica finlandese e a EDF....) Leggi tutto
23-4-2012 08:55

Ma per come sono state descritti gli avvenimenti, si Ŕ trattato non di un "incidente" causato da incauto atteggiamento o dabbenaggine..ma di un preciso piano di danneggiamento....in questo caso magari reso pi¨ agevole dalla falla su Windows ok...ma ove necessario si sarebbe potuto cercare altre vie.... Molto pi¨ rimarchevole... Leggi tutto
21-4-2012 13:39

Ma soprattutto: in una centrale nucleare IRANIANA? Mi stupisce sempre il constatare come sia riuscita Microsoft ha "infettare" tutto il mondo con i suoi prodotti, altro che i virus! (Parlo io, poi, che ancora sto con Winzozz... :oops: ) Comunque... E questi vorrebbero convincermi che Ŕ irrinunciabile costruire centrali... Leggi tutto
20-4-2012 23:35

Sicuramente un PC Windows collegato alla rete dei server che trasmisero questo al computer di controllo! Sarebbe da incoscienti usare Windows per controllare un reattore!!! Bene cosi hanno imparato che Windows non serve se non agevolare i danni. La maledizione di Bill colpisce anche alla distanza! :lol: @Freestyler Era un... Leggi tutto
20-4-2012 18:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (942 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 luglio


web metrics