Parkinson, per individuarlo basta una telefonata

Una nuova tecnica permette di effettuare la diagnosi con una semplice analisi della voce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2012]

parkinson voce diagnosi

Ancora oggi, il morbo di Parkinson è un nemico ostico: non vi sono sistemi rapidi e semplici per ottenere una diagnosi in anticipo, e non c'è una vera cura.

Proprio perché un cura definitiva ancora non è stata trovata, poter avere una diagnosi in anticipo permetterebbe di agire per tempo e ridurre al minimo, e per più tempo possibile, i sintomi.

Una speranza in questo senso viene dal lavoro del matematico Max Little, il quale ha elaborato un algoritmo in grado di individuare i sintomi del Parkinson semplicemente analizzando la voce.

La scoperta, presentata alla TEDGlobal Conference in corso a Edimburgo e subito salutata con entusiasmo, si basa su alcune caratteristiche tipiche del timbro vocale presenti in chi è stato colpito dal morbo di Parkinson già individuabili nelle primissime fasi della malattia (la voce si fa debole e tremante, e il respiro si fa più affannoso).

Il test impiega una trentina di secondi, ha costi estremamente contenuti e si può svolgere da remoto: è una piccola ma vitale rivoluzione nella prevenzione e nella cura della malattia.

Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5832 voti)
Leggi i commenti (12)

Affinché il sistema di riconoscimento dei sintomi a partire dalla voce diventi sempre più affidabile è nato un servizio, accessibile tramite il sito Parkinson's Voice Initiative, che invita i cittadini di USA, Brasile, Messico, Regno Unito, Spagna, Argentina e Canada a partecipare alla costruzione del più vasto database di voci possibile, così da poter affinare l'algoritmo.

Per fornire il proprio contribuito è sufficiente fare una telefonata che durerà in media 3 minuti e che sarà registrata; non è un sistema per ottenere una diagnosi di Parkinson, per lo meno non ancora. L'articolo continua dopo il video.

In questo modo il sistema imparerà a distinguere i sintomi specifici del Parkinson dalle alterazioni della voce causate da altri fenomeni (come il fumo, per esempio).

L'obiettivo di Max Little è di raccogliere per lo meno i campioni di 10.000 voci e fornire una tecnologia affidabile e utilizzabile dai medici entro due anni.

«Tutto ciò apre una possibilità molto interessante» spiega Little. «Se potessimo usare l'intera rete telefonica esistente allora potremmo sottoporre a uno screening per il Parkinson l'intera popolazione, e farlo a un costo minimo».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il cucchiaio smart di Google per i malati di Parkinson
Lo smartwatch per combattere il Parkinson
Bastano tre note per identificare un brano musicale

Commenti all'articolo (2)

... che numero devo chiamare? :old:
29-6-2012 12:35

non me ne intendo assolutamente, ma mi sfugge come un software possa captare questi dettagli dalla voce ed un dottore no.... A rigor di logica se la diagnosi viene bene ad un software dovrebbe venire 100 volte meglio ad una persona fisica
29-6-2012 08:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (761 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 ottobre


web metrics