Telecom Italia: sì ai dividendi, no agli investimenti

Nonostante la concorrenza annunciata da Metroweb, Telecom non aumenta gli investimenti nella fibra. Forse Bernabè sa qualcosa che non sappiamo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-08-2012]

telecom dividenti fibra ottica

Telefónica, uno tra i maggiori azionisti di Telecom Italia e maggiore gestore in un Paese in grave difficoltà (quasi quanto l'Italia), ha azzerato il dividendo e ridotto del 30% gli stipendi dei suoi manager.

Telecom Italia, dal canto proprio, ha confermato che pagherà i dividendi e ha lanciato un piano straordinario di bonus per i suoi manager.

Probabilmente anche per questo motivo Franco Bernabè ha annuncia che non aumenterà gli investimenti di Telecom sulla banda larga nonostante il piano annunciato da Metroweb, società controllata dalla Cassa Depositi e Prestiti, di cablare in fibra ottica le maggiori città italiane.

Nei mesi scorsi Bernabè aveva molto criticato la decisione dello Stato di entrare nelle TLC dopo essere uscito dalla stessa Telecom e da Wind; in seguito s'è offerto di collaborare, ma senza mai ben precisare quale dovrebbe essere il tipo di partnership fra Metroweb e Telecom.

Sondaggio
Secondo Confindustria Digitale, nei prossimi anni lo sviluppo dell'economia digitale può portare a un aumento di Pil del 4 o 5%. Quale di questi cinque assi d'intervento ritieni più significativo?
Sviluppo della domanda pubblica e privata di servizi on line: gli adempimenti dematerializzati devono diventare la regola e quelli allo sportello l'eccezione. - 35.4%
Investimenti infrastrutturali: nessun ricorso a fondi aggiuntivi. Favorire gli investimenti nelle reti Tlc e l'impiego delle risorse del Piano UltraBroadband del Ministero su aree in digital divide, a sostegno di reti mobili e fibra ottica. - 33.5%
Ecosistema internet: l'obiettivo è lo sviluppo dell'offerta legale dei contenuti. Riforma del diritto d'autore, diffusione delle modalità di pagamento elettronico, tutela della privacy. - 7.7%
Creazione di un vero mercato di Venture capital: l'obiettivo è sostenere la nascita di giovani start-up internet italiane. Detrazione d'imposta per gli investimenti di fondi di venture capital nelle start up. - 8.4%
Formazione dei lavoratori non nativi digitali. Occorre promuovere un grande piano di rioccupabilità legato agli skills ICT puntando ai fondi interprofessionali. In Italia meno del 10% delle ore di formazione viene dedicato a competenze digitali. - 15.1%
  Voti totali: 1097
 
Leggi i commenti (2)

In sostanza il presidente esecutivo di Telecom sta dimostrando di non temere la concorrenza della Cassa Depositi e Prestiti e di non voler modificare le proprie strategie nemmeno un po'.

Perché? Possiamo ipotizzare che Bernabè, amico personale e sostenitore fin dal primo giorno di Mario Monti, abbia avuto delle rassicurazioni in altissimo loco.

Dopotutto, la Cassa Depositi e Prestiti nei prossimi mesi potrebbe essere chiamata a salvare l'Italia acquistando BOT a più non posso per contenere lo spread, al fine di evitare pericolose aste pubbliche di titoli di Stato.

A quel punto di soldi per fare concorrenza a Telecom ne rimarrebbero davvero pochini, altro che banda larga. E sarà per questo, forse, che Bernabè può fin d'ora dormire sonni tranquilli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Telecom Italia: bye bye, Italia
Vodafone lancia la fibra a 100 Mbit/s

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{ice.man}
Bernabè sa che i suoi grandi azionisti sono troppo avidi per lasciarlo in sella se non gli concede dividendi.....
11-8-2012 15:57

Purtroppo stiamo correndo sempre più velocemente verso il disastro che ci meritiamo... :cry:
8-8-2012 14:23

Non posso che quotare. :evil: Leggi tutto
7-8-2012 17:19

{ranx}
"Forse Bernabè sa qualcosa che non sappiamo." Sì... sa 'n ca...(bip)!
7-8-2012 16:42

fossi io a decidere avrei fatto la stessa cosa, lo stato è committato, non serve essere pappa e ciccia con Monti per capirlo.
7-8-2012 16:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1890 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 gennaio


web metrics