Musica digitale, a chi appartiene dopo la morte dell'acquirente?

Bruce Willis non farà causa alla Apple, ma la questione resta comunque seria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-09-2012]

Bruce Willis

A dare la notizia è stato il britannico The Sunday Times: dopo aver speso migliaia di dollari per acquistare musica su iTunes, Bruce Willis avrebbe deciso di fare causa a Apple per via delle clausole del servizio.

L'attore sarebbe preoccupato per il destino della propria vastissima collezione di musica dopo la sua morte: in base alle condizioni d'uso di iTunes, la figlia non sarebbe legalmente in grado di ereditare i brani acquistati dal padre.

In realtà, come ha poi svelato la moglie di Willis su Facebook, la storia sarebbe falsa; tuttavia solleva una questione importante: a chi appartiene la musica digitale dopo che l'acquirente è morto?

Al tempo dei CD, le cose erano più chiare: acquistando il CD non si diventa proprietari dei brani (non si acquisisce il copyright su di essi) ma lo si diventa della copia ottenuta; questa può essere rivenduta, prestata, regalato o anche lasciata in eredità.

Per i brani digitali, la questione è differente: con l'acquisto si ottiene una licenza che concede il diritto di ascolto ma, al tempo stesso, contiene alcune restrizioni; per esempio in alcuni casi non permette il prestito, o la condivisione, o la masterizzazione su CD.

Sondaggio
Ora che la musica è soprattutto digitale, che cosa farai dei vecchi CD audio che non ascolti più?
Li butto via
Li vendo
Li regalo
Li "rippo" sul Pc
Li metto sul lunotto dell'auto per evitare gli autovelox
Ci tappezzo la stanza o ne faccio sottobicchieri

Mostra i risultati (2292 voti)
Leggi i commenti (43)

Le condizioni di iTunes sono in questo piuttosto chiare: «iTunes [...] permette di acquistare o di noleggiare una licenza per contenuti digitali (“Prodotti iTunes”) per l’uso dell’’utente finale unicamente alle condizioni stabilite nel presente Contratto».

Tali condizioni sono esplicitate più sotto, e parlano per esempio della possibilità di scaricare i contenuti su un massimo di «10 Dispositivi Associati, purché non più di 5 siano computer autorizzati iTunes», oppure permettono di «masterizzare una lista di brani audio fino a sette volte», e l'utente «non è autorizzato a masterizzare Prodotti iTunes video o Prodotti iTunes suono se non a fini di backup».

Per i prodotti iTunes Plus va un po' meglio, poiché secondo le regole l'utente è «autorizzato a copiare, memorizzare e masterizzare Prodotti iTunes Plus come ragionevolmente necessario per uso personale, non commerciale».

Tuttavia, ciò non comprende per esempio il copiare i brani sull'iPod di un amico, pratica che dal punto di vista legale è analoga alla condivisione tramite il file sharing: ognuno deve acquistarsi la propria copia. E, stando ai termini di iCloud, nemmeno il passaggio dei brani quale parte dell'eredità sarebbe consentito.

Il problema sollevato a nome di Bruce Willis è dunque reale: in che modo bisogna considerare la trasmissione in eredità dei brani acquistati? Mentre una parte sempre più grande dei nostri beni e delle nostre memorie diventa digitale, è bene che i diritti che abbiamo su questo materiale siano ben chiari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

cioe' potrebbe ereditare i cd ma non ascoltarli? :shock: Mauro Leggi tutto
10-9-2012 16:02

Forse non te ne sei accorto, ma i negozi di musica (almeno quei pochi seri che sono rimasti) ottemperano perfettamente alla tua condivisibile esigenza di non acquistare a scatola chiusa: persino Amazon spesso ti fa ascoltare la roba che vende, per non parlare del ruolo che dovrebbero avere le emittenti radiofoniche. Resta comunque il... Leggi tutto
10-9-2012 11:23

Ma io non ho mai parlato di distribuire gratuitamente, e non pretendo neanche che un artista si occupi di tutto il processo che porta alla pubblicazione di un cd. Appoggiarsi a studi di registrazione, stazioni radio, e sponsor vari va benissimo, ma una multinazionale che di fatto decide chi va avanti e chi no e cosa devi scrivere,... Leggi tutto
10-9-2012 11:00

Vedo che l'ottusità regna sovrana: se vuoi fossilizzarti sul concetto di multinazionale e casa discografica, fai pure, qui il punto è che da che mondo è mondo la musica come mestiere si è sempre basata su un soggetto che ne curasse la produzione e la distribuzione (le cui forme si sono chiaramente evoluta nel tempo); che sia un mecenate,... Leggi tutto
10-9-2012 10:58

Bravo! Se volevi dimostrare che il diritto d'autore sulle registrazioni (e le Major) sono indispensabili a produrre musica immortale, con Mozarr e Rachmaninov hai scelto l'esempio sbagliato! O meglio hai scelto l'esempio giusto che dimostra come quella tesi è falsa: vendere dischi e vietarne la copia non è obbligatorio per far campare... Leggi tutto
10-9-2012 02:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3680 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics