Internet mobile contro Sms nella relazione Agcom

Nei ricavi, Internet in mobilità batte gli Sms.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-09-2012]

sms internet mobile

Sono lontanissimi i tempi del tormentone "Mi ami? Ma quanto mi ami?" che lanciò lo spot televisivo della Telecom, allora ancora Sip, e l'idea che telefonare non costava poi tanto.

La mobilità sembra essersi affermata in maniera sufficientemente matura, con condizioni di rete mediamente superiori al digital divide dell'accesso al web dal Pc di casa; i cellulari, ormai da tempo nelle tasche di tutti, sono sempre più evoluti.

L'evoluzione della specie: all'inizio i cellulari erano solo per telefonare, poi iniziarono a diffondersi gli Sms portando con sé neologismi e modi di esprimersi abbreviati e spesso discutibili, ma segno di riconoscimento di una tribù che comunicano sempre più velocemente e sinteticamente, cambiando anche il significato del comunicare. Ora dopo un boom di anni degli Sms, può essere la volta dell'Internet mobile.

L'Agcom ha pubblicato la relazione annuale 2012 in cui traccia i chiaro scuri del settore telecomunicazioni che seppur risente della crisi non sembra certo in difficoltà.

Sondaggio
Che cosa utilizzi per mandare messaggi dal cellulare?
biteSMS - 1.9%
BlackBerry Messenger - 2.2%
ChatON - 0.6%
Google Talk - 3.2%
iMessage - 4.6%
indoona - 4.6%
jaxtr - 0.4%
Msn - 0.9%
Skebby - 1.3%
Skype - 3.0%
Sms - 41.6%
WhatsApp - 35.8%
  Voti totali: 3611
 
Leggi i commenti (13)

I ricavi lordi degli operatori scendono di un 3,7% rispetto all'anno precedente. La rete fissa paga una flessione superiore rispetto a quella mobile, 3,9% contro il 3,6%, ma decisamente più sensibile è la differenza nel conto della spesa degli utenti: 3,9% in meno sul fisso contro un -1,4% del mobile, un risultato che ritengo non debba stupire visto che l'utilizzatore è sempre più mobile.

Il cellulare - ricorda l'Agcom - è ancora prevalentemente utilizzato per i servizi voce, ovvero per chiamare; ma il calo è un sensibile -7,4%, anche se i minuti parlati sono stati quasi 136 miliardi contro i gli 85 miliardi scarsi del telefono fisso.

Ancora in rialzo i ricavi degli Sms, che aumentano però solo di un 1,5%; un aumento in doppia cifra è fatto segnare dai ricavi derivanti dall'accesso a internet: +17,7% che equivale al sorpasso sul messaggino di testo in termini economici.

Naturalmente internet mobile sempre più diffuso e quasi sempre con tariffe "flat" significa spesso anche possibilità alternative agli utilizzi finora consolidati del proprio cellulare, che ora diventa smartphone o tablet

Gli Sms vengono sempre più soppiantati da altri servizi: chat in tempo reale dedicate o applicazioni multipiattaforma a costo praticamente nullo, come WhatsApp, che certamente rappresenta un duro colpo per l'Sms; il Voip può intaccare il classico traffico voce.

Bisogna infine considerare che Internet significa più facile accesso ai dati di cui si abbisogna, senza dover magari passare per una telefonata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
AGCOM misura la banda larga mobile
Gli SMS italiani sono i più cari d'Europa
WhatsApp, arriva il canone anche su iPhone
Il Garante Privacy indaga su WhatsApp

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Di quale generazione fai parte?
Generazione silenziosa: i nati tra gli anni '20 e gli anni '40 del XX secolo
Baby boomers: i nati tra gli anni '40 e l'inizio degli anni '60 del XX secolo
Generazione X: i nati tra gli anni '60 e l'inizio degli anni '80 del XX secolo
Generazione Y (o Millennials): i nati tra gli anni '80 del XX secolo e il 2000
Generazione Z: i nati dal 2000
Generazione Alpha (o Screenagers): i nati dal 2010

Mostra i risultati (2562 voti)
Settembre 2020
L'aggiornamento che rallenta e surriscalda i Chromebook
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Tutti gli Arretrati


web metrics