Rimborsi Windows per un miliardo di dollari

Microsoft ha accettato di rimborsare 1,1 miliardi di dollari (2000 miliardi di vecchie lire) ai clienti della California che hanno acquistato Windows o altri software dell'azienda; questo è l'accordo raggiunto per evitare di andare in tribunale per aver violato le norme antitrust.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-01-2003]

Per evitare un processo per violazione delle leggi Antitrust, che sarebbe iniziato tra pochi giorni, la Microsoft ha accettato un accordo in base al quale metterà a disposizione dei cittadini della California buoni per acquistare hardware e software fino a 1,1 miliardi di dollari (pari a circa 2000 miliardi di vecchie lire).

I buoni potranno essere richiesti, entro quattro mesi di tempo, da tutti quei californiani che abbiano acquistato computer col sistema operativo Windows e i programmi della Microsoft nel periodo che va dal febbraio 1995 al dicembre 2001 e possano dimostrare la spesa.

La quota residua dei rimborsi verrà corrisposta alle scuole della California per l'acquisto di materiale informatico. Questa iniziativa è diversa e distinta dall'istruttoria Antitrust che era stata intrapresa dal Ministero della Giustizia, sotto l'Amministrazione Clinton; sono in corso in altri stati americani analoghe iniziative da parte di associazioni di consumatori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

Mentor
In concreto non spenderà quasi nulla Leggi tutto
13-1-2003 14:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come bisogna definire chi commette intrusioni informatiche?
un hacker
un cracker
un grissino

Mostra i risultati (4466 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics