Tutelarsi da Equitalia, anche senza ricorrere al giudice

Cartelle annullate senza ricorrere al giudice? Da oggi si può, ecco il vademecum.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-01-2013]

equitalia

Per tutelarsi dalle cartelle esattoriali "pazze" di Equitalia da oggi non è più necessario ricorrere al giudice: ogni contribuente, infatti, potrà inoltrare la richiesta di annullamento direttamente all'ente di riscossione.

Ecco dunque un vademecum per difendersi dalle cartelle Equitalia nulle o prescritte attraverso il silenzio assenso.

Tale procedura potrà essere avviata quando la causa di annullamento sia, per esempio:
- l'intervenuta prescrizione del diritto di credito;
- l'intervenuta decadenza del diritto di credito;
- un provvedimento di sgravio già ottenuto dall'ente creditore;
- un provvedimento amministrativo o del giudice che ha sospeso l'efficacia esecutiva della cartella esattoriale;
- una sentenza che ha già annullato, in tutto o in parte, la cartella esattoriale;
- un intervenuto pagamento della cartella esattoriale;
- qualsiasi causa che, alla stregua delle precedenti, determini la non esigibilità del credito.

Questo ovviamente non è un elenco esaustivo e le possibilità di ricorrere direttamente a Equitalia possono proporsi tutte le volte che la cartella risulti palesemente illegittima.

Individuata la causa di annullamento, il contribuente, entro 90 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, dovrà inoltrare all'ente di riscossione la richiesta di annullamento (è possibile per posta elettronica), corredata della documentazione idonea a provare l'illegittimità della pretesa creditoria.

Sondaggio
Come preferisci seguire gli aggiornamenti di Zeus News?
Apro Zeus News nel browser e vedo se ci sono novitÓ
Sono iscritto alla newsletter
Sono abbonato ai feed RSS
Seguo le novitÓ dal Forum dell'Olimpo Informatico
Seguo le novitÓ da Twitter
Seguo le novitÓ da Facebook
Tramite un altro sito che aggrega le notizie
In altro modo (suggeriscilo nei commenti!)

Mostra i risultati (6408 voti)
Leggi i commenti (13)

L'ente di riscossione, entro dieci giorni dal ricevimento della richiesta, dovrà trasmetterla all'ente creditore. Quest'ultimo, entro 60 giorni, dovrà comunicare al debitore e al concessionario della riscossione, tramite raccomandata a.r. o PEC, l'accoglimento o il rigetto della richiesta.

L'ente creditore, nel primo caso, emanerà un provvedimento di sospensione o di sgravio della cartella; nel secondo caso, solleciterà la ripresa dell'attività finalizzata alla riscossione delle somme.

Qualora l'ente creditore non dia alcuna risposta entro i 220 giorni successivi al ricevimento della richiesta, l'istanza si considera accolta in virtù del silenzio-assenso e la cartella è automaticamente annullata.

Se anche questo espediente non avrà sortito effetti ricordatevi che dal primo gennaio esistono nuovi limiti di pignoramento per Equitalia su stipendi e pensioni. Ma di questo parleremo in seguito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Temistocle Marasco

Approfondimenti
Equitalia, col nuovo sito arriva la rateizzazione online

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti giÓ lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11748 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics