Nuance Dragon NaturallySpeaking 12 Premium

Il software di riconoscimento vocale si rinnova completamente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2013]

1

A distanza di due anni dall'uscita della versione precedente, Nuance rinnova decisamente Dragon Naturally Speaking; al contrario di quanto è avvenuto nelle versioni precedenti, che rappresentavano un'evoluzione, il software incorpora funzioni che rappresentano, sotto certi punti di vista, una vera rivoluzione.

L'installazione avviene attraverso il solito wizard, con relativa operazione di registrazione on-line e di autenticazione del software.

E' possibile avviare Dragon NaturallySpeaking anche senza attivare il serial number, per un massimo di cinque volte. Una volta attivato il serial number, Dragon non richiede altre procedure.

Dragon NaturallySpeaking inoltre può essere attivato fino a quattro volte su macchine diverse, previa disinstallazione dalla macchina precedente. Il sistema di controllo remoto di Nuance aggiorna il numero di installazioni disponibili, così che successive operazioni di questo tipo possano avvenire senza problemi.

Una volta completata l'operazione di setup, il sistema riconosce la presenza di una precedente versione e propone di aggiornare i profili già esistenti; impossibile indicare se sia il caso di seguire questa procedura o impostare, ex novo, un nuovo utente.

Nella versione precedente, infatti, il file utente tendeva col tempo a diventare sempre più ingombrante. La soluzione migliore c'è parsa, invece, quella di creare un nuovo profilo e, successivamente, importare il numero più elevato possibile di documenti da analizzare per poter acquisire nuovi vocaboli sconosciuti.

Sondaggio
Che lavoro fai?
Agente di commercio
Operaio
Personale medico
Dirigente - Funzionario
Libero professionista
Forze Armate / Guardia / Vigile
Insegnante
Pensionato
Studente
In cerca di occupazione
Casalinga
Commerciante
Imprenditore
Artigiano
Ecclesiastico
Impiegato

Mostra i risultati (4260 voti)
Leggi i commenti (62)

Qualunque sia la decisione, è sicuramente opportune avviare un nuovo modulo di messa a punto del sistema di input; la cosa è importante perché la selezione delle periferiche di accesso è stata modificata.

Le tipologie di microfono sono diventate cinque ma, cosa più interessante, sono state introdotte altre due modalità di acquisizione che prevedono, la prima, l'utilizzo di uno smartphone come periferica di input, l'altra di un recorder audio digitale nei formati Waw, Mp3, Wma, Dss, Ds2, articolazione questa più ampia rispetto alla versione precedente.

Fin dalla versione successiva alla 9 Dragon ha permesso, com'è noto, l'immediato utilizzo del sistema senza addestramento, anche se, ovviamente, con indiscutibili limitazioni nella qualità.

2

Questo ambiente è stato decisamente migliorato ma, in ogni caso, si tratta di una soluzione temporanea, mentre è importante produrre una o più sessioni di riconoscimento per garantire una qualità sempre maggiore del risultato.

Non si tratta dell'unica novità, considerando che Nuance afferma che la nuova versione, oltre a garantire un miglioramento della ricognizione, in termini di velocità e qualità, di oltre il 10% rispetto al già elevato standard della versione 11, incorpora più di un centinaio di nuove funzioni oltre quelle aggiornate e migliorate.

Tra queste, probabilmente la più importante e quella che farà sicuramente piacere alla maggior parte degli utenti avanzati, viene introdotto il riconoscimento automatico, da parte del software (con relativo adeguamento), della consistenza e qualità hardware della macchina su cui viene utilizzato.

Questo ha permesso di ottenere incredibili risultati su un PC di classe alta, dalle caratteristiche avanzate (processore AMD Bulldozer 8 core, 16 GByte di RAM) nel quale, oltre tutto, anche durante una spedita sessione di dettatura, non si è mai andato oltre il 10% dell'utilizzo della CPU e del 27% della RAM.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Funzionalità avanzate

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)


Corretto, tnx
13-2-2013 09:26

C'č qualcosa che non va nella seconda pagina: il testo risulta identico a quello della prima (ma non le immagini).
12-2-2013 21:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1224 voti)
Novembre 2019
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics