Gli SMS italiani sono i più cari d'Europa

L'Antitrust sottolinea che i messaggini nel nostro Paese costano più che nel resto dell'UE, nonostante l'avanzata di servizi gratuiti come WhatsApp.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2013]

sms costo italia

Gli SMS italiani sono troppo costosi: nonostante nel corso degli anni il loro prezzo sia andato calando, questo resta al di sopra della media europea.

A rilevarlo è l'Antitrust, a cui l'AGCOM aveva richiesto un parere proprio in merito ai servizi di terminazione degli SMS.

Il risultato è che da noi un messaggio - facendo riferimento ai prezzi "all'ingrosso" - costa 4,57 centesimi, mentre la media dell'Unione Europea è di 3,15 centesimi; l'Antitrust ha sottolineato esplicitamente che il prezzo italiano «è tra i più alti d'Europa» (i dati si riferiscono a rilevazioni che riguardano il 2011).

La richiesta del parere avanzata dall'AGCOM all'Antitrust aveva un motivo preciso: cercare di capire se fosse necessario introdurre una regolamentazione ex ante del mercato degli SMS su singole reti mobili.

Il risultato è stato che una regolamentazione non pare necessaria, poiché il mercato tende «a produrre nel tempo le condizioni tipiche di un mercato concorrenziale», eppure allo stesso tempo l'Antitrust invita l'AGCOM a continuare il monitoraggio dei prezzi «così da verificare che gli stessi rispondano a criteri di obiettività, trasparenza, non discriminazione e proporzionalità».

Sondaggio
Che cosa utilizzi per mandare messaggi dal cellulare?
biteSMS - 1.9%
BlackBerry Messenger - 2.2%
ChatON - 0.6%
Google Talk - 3.2%
iMessage - 4.6%
indoona - 4.6%
jaxtr - 0.4%
Msn - 0.9%
Skebby - 1.3%
Skype - 3.0%
Sms - 41.6%
WhatsApp - 35.8%
  Voti totali: 3611
 
Leggi i commenti (13)

Occorre inoltre dire che la messaggistica da cellulare sta subendo in quest'ultimo periodo un'ulteriore evoluzione che pare andare nella direzione di un abbandono progressivo degli SMS.

Sebbene tra il 2010 e il 2011 il numero di messaggi sia cresciuto del 300%, e l'anno scorso nella sola Italia siano stati inviati ben 96 miliardi di SMS (il 7,5% in più rispetto al 2011), ultimamente la diffusione degli smartphone e dei servizi che permettono di inviare messaggi gratuitamente sfruttando il piano dati sta minando la supremazia degli SMS.

Basti pensare al successo di WhatsApp, su cui recentemente ha messo gli occhi anche Google, ma anche a quello delle app relative ai social network come Facebook o a quello di software come Skype: i vari sistemi di messaggistica istantanea stanno insomma attaccando da più lati il mondo dei "messaggini".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Chad2Win, l'app che ti paga per chattare
WhatsApp lancia la chat vocale
Viber alla conquista dei desktop
Google offre un miliardo per WhatsApp
Quarant'anni fa il primo squillo di un cellulare
Vent'anni di SMS
Internet mobile contro Sms nella relazione Agcom
Le pecore che mandano SMS al pastore quando arriva un lupo

Commenti all'articolo (3)


Ahem, il sistema non è forse formato da tante singole componenti? IMO è proprio questo il problema di fondo dell'Italia: un cittadino sa di far parte d'un paese, sa quali sono i suoi diritti ed i suoi doveri, sa perché sono stati decisi, e lotta per migliorare le sue condizioni di vita ecc. Un suddito italico vede lo stato come un moloc... Leggi tutto
12-4-2013 21:00

{Telesio}
Secondo me questo è, in piccolo naturalmente, un esempio di disinformazione. Prima di tutto da parte dell'antitrust, e poi in sequenza da chi "rivende" l'informazione. Isolare un fattore dal contesto in cui si trova è manipolazione. Litalia è un paese costoso, ed il perché lo sappiamo da... Leggi tutto
12-4-2013 11:10

Se il numero di SMS sale come si può dire che progressivamente si stanno abbandonando??? :lol: Ciao
10-4-2013 07:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1467 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics