Partono i ricorsi per i siti di file sharing bloccati

Il GIP di Roma aveva autorizzato un maxisequestro di domini, bloccando interi servizi per la presenza di un unico file in violazione. Al via i primi ricorsi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-04-2013]

XXL sequestro 27 siti

Alcuni giorni fa il GIP di Roma ha imposto il sequestro - a mezzo DNS - di 27 domini di filesharing facenti capo a siti nazionali e internazionali.

Si tratta - come fa notare l'avvocato Fulvio Sarzana - «della più grande operazione di sequestro di contenuti su Internet in un Paese occidentale».

Tutto è nato perché la società che distribuisce in Italia il film d'animazione Un mostro a Parigi ha denunciato - lo scorso 27 febbraio - alla Procura di Roma la presenza di copie illegali della pellicola in Rete.

Dopo un mese di indagini, il Pubblico Ministero ha richiesto l'oscuramento dei domini di 27 tra i più noti siti di scambio di file: l'elenco completo comprende bitshare, cineblog01, clipshouse, cyberlocker, ddl-fantasy, filmfreestream, filmnuovistreaming, filmpertutti, flashdrive, flashstream, freakshare, gatestreaming, italiafilm2, likeupload, megaload, nowdownload, nowvideo, panicmovie, queenshare, rapidgator, robin-film, speedvid, streamingworld, uploaded, uploadjet, videopremium e yourlifeupdated.

Tutti questi siti al momento risultano irraggiungibili ai domini indicati, per lo meno con i DNS ufficiali. Occorre dire che alcuni di essi non hanno perso tempo e sono tornati a nuova vita semplicemente registrando lo stesso nome con un diverso TLD.

Sondaggio
Alle prossime elezioni, voteresti il Partito Pirata, per le libertà digitali?
No, perché ho già un partito preferito. - 13.3%
Sì, perché è quello che ci vuole per difendere la libertà della Rete, e gli altri partiti sono vecchi. - 65.7%
No, perché credo che su questi temi ci si debba battere fuori dalle istituzioni. - 10.1%
No, perché ho deciso di non andare a votare. - 10.9%
  Voti totali: 3441
 
Leggi i commenti (40)

Intanto è iniziata anche la battaglia legale: l'avvocato Sarzana ha infatti depositato un ricorso a nome di Rapidgator, ed è prevedibile che altri lo seguano.

Tra i punti critici dell'operazione c'è il fatto che per la presenza di un solo file che infrange il copyright sono stati violati i diritti di moltissimi utenti che utilizzavano alcuni di quei servizi - come, per l'appunto, Rapidgator - per archiviare e scambiarsi file perfettamente legali, oscurando interamente i servizi.

Sequestrare un intero sito che ospita milioni di file per la presenza di una sola opera in violazione del diritto d'autore appare una misura veramente eccessiva e potenzialmente foriera di conseguenze a livello internazionale, per quanto riguarda la Rete: come già accaduto in passato (quand'erano stati sequestrati i domini di alcuni siti di trading online), infatti, per regolare facilmente i conti con la giustizia i gestori dei portali internazionali potrebbero decidere di bloccare il traffico proveniente dall'Italia, accontentando i giudici e tagliando fuori il nostro Paese da un pezzo di Internet.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
RapidGator cancellato da Google
Tribunale di Roma: illegittimo l'oscuramento di Rapidgator
Megaupload fa milioni di visite anche da morto
The Pirate Bay intenta causa per violazione di copyright
Sequestrati i siti delle partite Mediaset
DDUniverse bloccato dalla GdF, ma è ancora online

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Questo GIP sarà senza dubbio una "toga rossa" che i comunisti hanno scatenato per limitare la libertà dei cittadini e rinforzare il proprio regime... o forse no? :?
25-4-2013 17:52

Purtroppo, questa lotta bastarda continuerà fino a quando non avremo una legge che riconosce in modo esplicito che la condivisione dei contenuti senza alcun fine di lucro non può essere considerata violazione del copyright, soprattutto in considerazione del fatto che fornisce al contenuto ed al suo produttore una forma di promozione.... Leggi tutto
21-4-2013 23:57

Basta con la TV spazzatura direi. Però purtroppo è quella cercata e guardata dalla maggioranza delle persone. :cry:
19-4-2013 13:12

Per me fanno un grandissimo favore all'intelligenza bloccare Mediaset, se la gente sente la mancanza di vedere i suoi programmi.... :martellato: Basta con la tv !!!!! Rprendetevi la vostra vita. Leggi tutto
19-4-2013 12:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3182 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics