DDoS triplicati nel 2012, sotto accusa la Cina

Il 41% degli attacchi ha origine nel Paese asiatico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-05-2013]

attacchi DDoS triplicati 2012

L'ultimo rapporto rilasciato da Akamai sullo "stato di Internet" dipinge un quadro in cui le minacce si fanno sempre più numerose.

In particolare, secondo l'azienda dal 2011 al 2012 abbiamo assistito a un aumento preoccupante degli attacchi DDoS, che sono addirittura triplicati.

Il Paese da cui è arrivato il maggior numero di attacchi, stando ai dati di Akamai riferiti all'ultimo trimestre del 2012, è la Cina: ben il 41% degli attacchi ha avuto origine lì. Si tratta di un primato piuttosto interessante, specie considerando che in questa nella classifica degli Stati più pericolosi quelli che stanno in seconda e terza posizione - vale a dire USA e Turchia - devono mettersi insieme per costituire il 15% delle minacce. La Russia segue con il 4,3% degli attacchi.

Nel complesso è l'Asia il continente che sembra essere più pericoloso: da lì infatti arriva il 56% degli attacchi, mentre nell'intera America ha origine appena il 18%.

Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1577 voti)
Leggi i commenti

A livello mondiale, nel rapporto di Akamai si trovano anche buone notizie: la disponibilità di banda larga con velocità uguali o superiori a 10 Mbit/s è cresciuta del 2,7% nell'ultimo trimestre del 2012.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attacchi DDoS in aumento, cosa fare per difendersi
Google protegge il web da attacchi e censura
Anonymous dichiara guerra alla Corea del Nord
Internet, non è stato il più grande attacco della storia
Il più grande attacco DDoS della storia di Internet
Akamai: in Italia il primato europeo della banda stretta

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Per fare il nuovo mondo e poterne vedere il risultato, temo che ci voglia un po' di tempo. :-k
10-5-2013 16:18

Verissimo ma speriamo che almeno sia migliore come nuovo mondo ne dubito :D
10-5-2013 14:59

Temo anche io. Avete letto questo? Finanzcapitalismo Io lo sto leggendo adesso. Usa termini diversi dai miei ed è estremamente più dettagliato e professionale, ma l'impressione è che confermi quello che in più persone stiamo dicendo da un po' di tempo sulla situazione globale. Ed è proprio preoccupante. Però, daltro canto, se il mondo... Leggi tutto
9-5-2013 20:11

Zievatron non ci siamo molto lontani temo... Leggi tutto
9-5-2013 14:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1444 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 gennaio


web metrics