Internet Explorer si traveste da Firefox

IE rinnega gli anni di incompatibilità con gli standard, mascherandosi come il browser di Mozilla.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-05-2013]

internet explorer 11 firefox

Con Windows 8 sugli scaffali da mesi e Windows Blue (il prossimo aggiornamento del sistema operativo) in stato di avanzata lavorazione, anche per Internet Explorer 10 è tempo di pensare al futuro.

Il successore, com'è ovvio, si chiamerà Internet Explorer 11 e, dato che sarà incluso in Blue e che questo è sfuggito in Rete, si può già dare un'occhiata a che cosa offrirà.

Una delle caratteristiche più interessanti di questa versione è che pare proprio che Microsoft sia decisa a fare piazza pulita dei vecchi comportamenti non standard del proprio browser, una piaga che affonda le proprie radici nella guerra con Netscape e che è diventata endemica ai tempi di Internet Explorer 6, senza peraltro riuscire a guarire completamente con le versioni successive. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual Ŕ il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (11888 voti)
Leggi i commenti (37)
Per essere compatibili con le particolarità di Internet Explorer, molti siti controllano la stringa di identificazione del browser (lo user agent) e, se scoprono che stanno per servire una pagina a MSIE, gli propongono una versione realizzata appositamente per compiacerlo (tipicamente utilizzando CSS diversi).

Alcuni siti - realizzati in questo modo per pigrizia o per chissà quali altri motivi - arrivano a essere costituiti soltanto da pagine compatibili con i comportamenti peculiari di Internet Explorer, creando così difficoltà agli altri browser.

Con l'avvento di Internet Explorer 11, Microsoft ha deciso di cambiare lo user agent da MSIE a IE, evitando così di farsi riconoscere e ottenendo, se esistono, le pagine scritte per gli altri browser.

ie 11 ua
Lo screenshot mostra lo user agent adoperato da IE 11

A Redmond hanno poi deciso di andare oltre e di inserire il comando Like Gecko (come Gecko), dove Gecko è il motore di rendering di Firefox: in pratica, Internet Explorer si maschera da Firefox per essere sicuro di non ricevere le pagine scritte in base alle proprie esigenze ma quelle realizzate in base agli standard.

Ovviamente, da qui al rilascio della versione definitiva tutto potrebbe ancora cambiare; se invece le cose resteranno così, coloro che hanno realizzato i propri siti avendo in mente unicamente Internet Explorer rischiano di avere davanti a sé parecchio lavoro da fare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Internet Explorer è il software più vulnerabile
Microsoft tenta di riabilitare Internet Explorer
Windows 8.1, tutti i dettagli

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)


@dragonand Sapessi quante bestemmiai tirai per questo problema.... Il guaio, per i santi, che lavoro anche su Windows. :lol: :lol: :lol: Ciao
14-5-2013 00:51

Grazie della spiegazione. :wink: Si vede che sono un neofita di IE! :lol: Ciao
13-5-2013 19:48

@dragonand Guarda che Ŕ un problema comune e mai risolto (oramai un decennio? Esisteva da IE6) che non trovi il file scaricato e pu˛ capitarti altre volte, in quanto quel pirla di IE lo mette in TMP sotto la dir windows (se non ricordo male ma comunque sotto la dir windows in qualche cartella c'Ŕ la "cartella di... Leggi tutto
13-5-2013 18:00

Nell'ultimo mese ho installato Windows 8 Pro: dopo il Windows Update Ŕ comparso il baloon per scegliere il browser. Da utente Administrator l'app non funzionava e proponeva di usare un altro utente, e da un altro utente scegliendo Firefox prima mi avvisa che il programma potrebbe danneggiare il computer (in teoria l'avviso riguarda tutti... Leggi tutto
13-5-2013 17:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1174 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics