Ecco i siti che minacciano l'industria della musica

Dai tracker torrent ai motori di ricerca per MP3, tutti i siti che le major vorrebbero veder chiusi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-05-2013]

XL siti pirata

Le attività delle varie associazioni nazionali dell'industria discografica sono spesso un'arma a doppio taglio.

Prendiamo per esempio la britannica BPI (British Phonographic Industry o, come si fa chiamare oggi, British Recorded Music Industry).

Sin dal luglio scorso BPI ha iniziato una lunga campagna per individuare i maggiori siti da cui sia possibile scaricare (illegalmente) opere protette dal diritto d'autore; lo scopo, ovviamente, era mettere insieme una lista per poterli poi far bloccare dagli ISP ottenendo il necessario benestare da parte della magistratura.

Tale lista, ormai completa, rappresenta un panorama attuale e completo dei peggiori nemici dell'industria musicale: il punto di vista è quello dell'associazione britannica ma, considerata la natura globale di Internet, il valore della lista può essere considerato assoluto con una certa tranquillità.

I primi siti "sgraditi" presi in considerazione sono quelli che offrono i servigi di tracker o motore di ricerca BitTorrent.

Tra questi incontriamo per esempio 1337x, da segnalare in quanto dispone di un proprio tracker (un'eccezione, di questi tempi), che al momento ospita nel proprio database oltre 484.000 torrent; si situa al sesto posto nella classifica dei siti torrent più popolari al mondo.

Poi c'è BitSnoop, il cui database è decisamente più corposo rispetto a quello del collega appena citato: indicizza infatti ben 19,9 milioni di torrent. BitSnoop tiene alla propria immagine pubblica e infatti fa sapere di essere pronto a rispondere alle richieste di rimozione del materiale che viola il copyright.

ExtraTorrent è un altro di quei siti che affermano di essere pronti a rimuovere il materiale proibito; ciò non gli impedisce però di essere anche il quinto maggior sito torrent al mondo.

Qualcosa di simile si può dire per Isohunt che, pur essendo stato tra i primi a integrare un filtro nel proprio motore di ricerca interno al fine di escludere i risultati illegali resta il quarto più popolare sito torrent del mondo.

TorrentReactor è uno di quei siti che afferma di essere attento non solo alla normativa americana sul copyright (il famigerato DMCA) ma anche a quella europea. Ciononostante, di recente in Italia - dove era piuttosto popolare - è stato bloccato dai provider: la cosa non ha rappresentato un grosso problema, visto che subito è spuntato un proxy che permette di accedervi.

La lista dei siti torrent "pericolosi" è ancora lunga e comprende TorrentCrazy, Monova, Torrentdownloads e TorrentHound, oltre a un sito particolare, Torrentz, che, a differenza, degli altri, è un metamotore: ciò significa che effettua ricerche negli altri motori di ricerca.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2374 voti)
Leggi i commenti (12)

Dato che però al mondo non esistono soltanto i siti torrent, la BPI mantiene nel mirino anche altri siti, come i motori di ricerca che permettono di trovare i file conservati presso i servizi di file hosting.

Tra questi spicca in particolare Filestube, che permette di effettuare ricerche presso decine di siti e di recente ha ricevuto qualcosa come 4,5 milioni di richieste di rimozione di materiale che viola il copyright.

Ovviamente Filestube non è l'unico: ci sono anche Filecrop, Filetram e Rapidlibrary.

Infine ci sono i siti che si occupano esclusivamente di musica, sia essa in streaming o sotto forma di download di file MP3.

Grooveshark, che offre musica in streaming, è tra i primi a non essere apprezzato dalla BPI, sebbene il profilo dell'azienda e l'attività pubblica da essa condotta rendano quantomeno curiosa la sua inclusione in questa lista.

Più comprensibile, invece, la presenza di quei siti che permettono di ricercare e scaricare file MP3; si tratta di diversi servizi che negli ultimi mesi hanno acquisito una certa popolarità.

Troviamo quindi BeeMP3, Dilandau, MP3juices, MP3lemon, MP3raid, MP3skull, Abmp3, Bomb-mp3, eMP3World e New Album Releases.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
IsoHunt risorge dalle proprie ceneri
IsoHunt patteggia, pagherà 110 milioni di dollari
Ordinanza in Italia per bloccare The Pirate Bay e non solo
Torrent su tablet o smartphone? Facile con Streamza
EzTv nella bufera
Crisi, licenzia anche la RIAA
Quando la pirateria è arte
Indagine conferma: i pirati spendono molto più degli utenti ''onesti''
Quando i pirati si lamentano della pirateria

Commenti all'articolo (5)

{utente anonimo}
Per chi parla di guadagni esorbitanti e di limitata disponibilità economica: parla a vanvera. Non si hanno 0.99 centesimi per comprare un pezzo che piace, ma si hanno 600 euro per un iPhone!! O soldi per una xBox, o 50 euro per la discoteca, o altri euro per sniffare o comprare fumo!!! Ora i "guadagni esorbitanti": Su... Leggi tutto
7-7-2015 10:22

{utente anonimo}
link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/191425]link sono altri siti di pirateria pura.
7-7-2015 10:17

Quando non si hanno idee su come risolver un problema allora ci si affida a soluzioni improvvide e arrangiate prese pi¨ su una odna emotiva che con una attenta analisi raziocinante. Il problema di fondo e solo che con un continuo contrarsi della disponibilitÓ monetaria degli utenti si assottiglia la base numerica di acquista e si... Leggi tutto
6-6-2013 18:45

{Rosco}
tutta 'sta fuffa e tutto questo lavoro per individuare siti torrent che conosce anche un bambino di 5 anni. Le major e le SIAE stanno iniziando a remare nella stessa direzione, per poter affondare insieme un colpo decisivo nei prossimi anni. Mi fanno sbellicare, quanto sarà la percentuale di musica che offrono questi siti... Leggi tutto
30-5-2013 15:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1910 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics