Google sta uccidendo la SEO?

Google starebbe favorendo i link sponsorizzati a discapito dei siti che hanno ottenuto un buon posizionamento tramite le tecniche tradizionali. Analizziamo la situazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-06-2013]

XL Google SEO AdWords

L’operazione di ottimizzazione del posizionamento dei siti web nei motori di ricerca viene comunemente definita SEO, acronimo di Search Engine Optimization.

Si tratta di un "segmento" del marketing online che, con apposite modifiche al sito stesso e operazioni effettuate in Rete, dovrebbe permettere di migliorare la posizione del proprio sito all'interno dei risultati restituiti dai motori di ricerca, fino a far scalare le prime pagine.

Negli ultimi mesi, e in particolare con gli aggiornamenti Panda e Penguin apportati agli algoritmi di Google per combattere il fenomeno dello spam, molti webmaster ed esperti di SEO hanno iniziato a lamentarsi ritenendo di essere stati colpiti e penalizzati senza alcun motivo apparente.

Affermano infatti di non aver violato le linee guida indicate ai webmaster, eppure sostengono che i siti da loro gestiti ora si trovano in posizioni peggiori rispetto a quelle che avevano prima degli aggiornamenti dell'algoritmo.

SEO   Cerca con Google
I siti ottimizzati vengono dopo quelli sponsorizzati.

Per fare chiarezza sulla questione dobbiamo provare a capire che cosa intenda Google quando parla di operazione di SEO che è possibile effettuare, e per farlo possiamo analizzare il contenuto delle già citate linee guida.

In esse si possono rilevare alcune indicazioni:
1. Si fa riferimento più volte all'importanza che rivestono i contenuti del sito.
2. Si invita a pensare di realizzare le pagine per gli utenti e non per i motori.
3. Si ricorda di evitare i trucchi per aumentare il ranking (scambio e acquisto links, testo nascosto, cloaking e via di seguito), poiché gli aggiornamenti dell'algoritmo penalizzano chi ne fa uso.

Sostanzialmente il motore di ricerca chiede di impegnarsi soprattutto nel fornire contenuti originali agli utenti, senza cercare altre strade.

Sondaggio
Utilizzi i motori di ricerca soprattutto per approfondire quello che hai...
... letto sui social network
... sentito alla radio
... ricevuto sul cellulare (Sms/Mms)
... letto su giornali o riviste
... visto in Tv
... visto per strada
... passaparola

Mostra i risultati (1050 voti)
Leggi i commenti (6)

Considerando i fattori sopra citati e le modifiche effettuate da Google - come il passaggio da 10 a 7 nel numero dei domini visualizzati nei risultati di ricerca per alcuni settori importanti - e soprattutto i continui cambiamenti apportati alla pagina per dare maggiore spazio agli annunci pubblicitari, si evince come diventi sempre più difficile rendere visibile agli utenti il proprio sito utilizzando tecniche non scorrette.

È nato così in molti esperti del settore il sospetto che Google stia inserendo tutte queste novità con il fine di favorire i siti che adoperano la piattaforma a pagamento AdWords, e che poi appaiono tra i link sponsorizzati.

Un altro indizio, fresco di questi giorni, dà ulteriore peso alla "tesi del sospetto": alcuni utenti della versione internazionale del motore, digitando il nome di una nota località (la città australiana di Sydney), hanno visto comparire insieme agli annunci a pagamento alcune foto della località stessa nella parte alta della pagina.

adwords immagini
Con le immagini all'inizio della pagina, i siti ottimizzati con le tecniche di SEO scivolano ancora più in basso.

Tale modifica, ancora in beta e visibile a pochi, fa scivolare automaticamente in basso i siti posizionati con le tecniche di SEO, rendendo di conseguenza più visibili (poiché posti più in alto) e più "cliccabili" gli annunci a pagamento.

Del resto Google opera (quasi) in monopolio: la domanda che ora ci poniamo è se riuscirà nel proprio intento di accumulare sempre più introiti e scoraggiare le aziende ad investire nella SEO.

D'altra parte - come ritengono molti attori di questo settore - il continuo cambiamento per aumentare la visibilità della piattaforma a pagamento potrebbe alla fine provocare una ritorsione che danneggerà proprio Google, dato che gli annunci sono spesso fastidiosi e invadenti.

Non resta che attendere per vedere quale di questi due scenari si realizzerà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone Mozzato

Approfondimenti
Panda 4.0: Google cambia ancora l'algoritmo della search
Egosurfing, il narcisismo nell'era di Google
Google festeggia 15 anni con un algoritmo tutto nuovo
Vendita follower Twitter e fan Facebook a prezzi stracciati
HTML 5 e CSS 3, gli standard del web si evolvono
Seo e ottimizzazione web per motori di ricerca

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Parlare della tecnica di Google fa dimenticare che una volta esistevano più motori di ricerca ed ancora adesso esistono, dall'agonizzante Yahoo all'imbarazzante Bing passando per il misterioso prodotto di wolfram, alla prezzomolina di ASK fino agli italici ed autarchici nostrani come Istella. Se un webmaster nota questo aspetto con... Leggi tutto
12-6-2013 13:05

@Gladiator "anche perchè certi comportamenti sono più duri da digerire quando sono originati da disillusioni che quando, pur non piacendo, sono chiari fin dall'inizio.." Concordo e QUOTO in pieno :(
8-6-2013 18:17

@PuppinoCbr Anch'io lo spero, anche perchè certi comportamenti sono più duri da digerire quando sono originati da disillusioni che quando, pur non piacendo, sono chiari fin dall'inizio. Nel caso di Google, ripeto, non saprei, forse sono però ancora più vicino alla tua idea.
8-6-2013 18:07

Sinceramente, non posso neanche darti torto. Come dire.. Lo spero?? (!). Forse inizialmente, quando si fa di tutto per un progetto, i sogni spingono un po' oltre, poi il vento rientra in poppa e, si vede, non sei che attratto solo "da quelle". :roll: Leggi tutto
8-6-2013 16:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è secondo te la peggiore invenzione della storia?
Le sigarette
I fast food
Le armi
Il nucleare
La Chiesa
La televisione
L'automobile
I telefoni cellulari
Gli autovelox

Mostra i risultati (7818 voti)
Luglio 2020
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Tutti gli Arretrati


web metrics