Un virus reale per OS X

Creato il primo vero virus informatico in grado di infettare i sistemi Apple.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2013]

virus os x

I sistemi alternativi a Windows - come Mac OS X e Linux, ma non solo - hanno la fama di essere esenti da virus.

Ciò non è ovviamente vero in senso stretto, sebbene la loro robustezza abbia secondo molti un fondo di verità grazie all'architettura UNIX che ne sta alla base e in generale alla progettazione di quei sistemi operativi.

A ricordare che il sistema operativo completamente invulnerabile non esiste arriva ora un gruppo di ricercatori che ha realizzato un attacco proof-of-concept scrivendo il primo vero virus per Mac OS X.

Il malware in questione si chiama Clampzok.A, è scritto in assembly e per diffondersi altera i file binari di un sistema; in questo modo viene eseguito e altera altri file binari, propagandandosi.

Il suo comportamento è quindi quello di un classico virus informatico, un tipo di malware che al giorno d'oggi ha visto la propria popolarità soppiantata dai vari trojan e worm i quali, in senso stretto, non sono virus.

Sondaggio
Worm, virus, trojan horse, spyware, rootkit, dialer, hijacker. Chi li produce?
Smanettoni che vogliono provare la loro abilità
Pirati informatici professionisti con lo scopo di trarne profitto
Gli stessi che poi fanno gli antivirus
Gruppi con finalità politiche di destabilizzazione

Mostra i risultati (5210 voti)
Leggi i commenti (25)

Dopo aver infettato un file, il virus fa in modo di venire eseguito ogni volta che quel file viene chiamato e quindi si mette in ricerca di altri file binari a 32 bit, sui quali tenta un'ulteriore infezione; Clampzok.A prende di mira le utilità di sistema ereditate da BSD e i programmi presenti nelle directory /bin e /usr/bin.

Le modalità di infezione rendono Clampzok.A facile da identificare: un antivirus non dovrebbe far altro che controllare se il segmento __PAGEZERO dei file binari sia stato modificato in modo da essere leggibile ed eseguibile: in quel caso il file è infetto. Tale infezione, inoltre, blocca il funzionamento dei file firmati (come quelli scaricati dal Mac App Store): la loro modifica rispetto alla versione originale impedisce loro di funzionare.

Dopotutto si tratta solo di un proof-of-concept, ossia di una dimostrazione del fatto che è possibile scrivere un virus per OS X; non esiste, però, alcun malware che adoperi questa tecnica, anche perché come abbiamo visto sarebbe facilmente individuabile, oltre che molto limitato nello scopo (non fa altro che moltiplicarsi).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Flashback.C, il trojan che infetta i Mac
OpinionSpy, il trojan per Mac
Il trojan che registra le telefonate di Skype
I processori a rischio virus
Due trojan per OS X Tiger e Leopard
Falla di Os X, nel mirino dei virus writer
Antivirus fallati, stavolta inciampa Symantec

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4006 voti)
Ottobre 2020
Le parole di Internet: smishing
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Tutti gli Arretrati


web metrics